sabato 27 luglio 2013

#On my Bookshelf






Questa rubrica è dedicata a tutte le New Entry della mia libreria.
La New Entry di oggi è:



"Muses - La decima musa" di Francesco Falconi, edito nella collana Chrysalide da Mondadori

Trama:
Una ragazza adottata, una musicista straordinaria, l'incarnazione della Musa della Musica... Chi è davvero Alice De Angelis? Dopo aver sfiorato la morte, Alice giace in coma in ospedale. La mano che ha tentato di ucciderla voleva eliminare la Musa della Musica, ma ha ottenuto un altro risultato. Alice scopre di avere un nuovo, terrificante potere: la capacità di vedere il presente attraverso gli occhi delle altre Muse. Immobilizzata in un letto, osserva la rete di amori, segreti e intrighi che sta tracciando i destini delle ultime Muse. Lo scontro finale è alle porte, i nemici sono sempre più forti e agguerriti. Alice dovrà farsi forza e combattere contro se stessa. Lottare per chi ama, sfidare i misteri del passato, e scoprire gli straordinari poteri della misteriosa Decima Musa...


"Muses - La Decima Musa" è il sequel di "Muses", uscito nel 2012



 
Trama:
 
Alice ha ucciso il suo ex ragazzo, ma non lo sa. Canta nel gruppo dei Blood Tears ma non conosce la natura del dono che ha ereditato dalla sua vera madre. E nemmeno la sua forza devastante, capace di manipolare il pensiero e di uccidere. Una società segreta vuole la sua morte e per farlo è pronta a compiere qualsiasi crimine. Questo perché Alice è una delle discendenti delle nove muse.
 
 
Buone letture :)
 
A presto! ^^
 
Cecilia

http://giotto.ibs.it/cop/copj170.asp?f=9788804627678 Muses. La decima musa Una ragazza adottata, una musicista straordinaria, l'incarnazione della Musa della Musica... Chi è davvero Alice De Angelis? Dopo aver sfiorato la morte, Alice giace in coma in ospedale. La mano che ha tentato di ucciderla voleva eliminare la Musa della Musica, ma ha ottenuto un altro risultato. Alice scopre di avere un nuovo, terrificante potere: la capacità di vedere il presente attraverso gli occhi delle altre Muse. Immobilizzata in un letto, osserva la rete di amori, segreti e intrighi che sta tracciando i destini delle ultime Muse. Lo scontro finale è alle porte, i nemici sono sempre più forti e agguerriti. Alice dovrà farsi forza e combattere contro se stessa. Lottare per chi ama, sfidare i misteri del passato, e scoprire gli straordinari poteri della misteriosa Decima Musa... 14,45 new EUR in_stock

martedì 16 luglio 2013

Recensione: "Colazione da Darcy" di Ali McNamara




 
Titolo: Colazione da Darcy
Autrice: Ali McNamara
Prezzo edizione rilegata: 9,90 euro
Prezzo edizione tascabile:5,90 euro
Prezzo ebook:3,99 euro
Editore: Newton Compton Editori




 

 
 
Trama:
 
Quando Darcy McCall perde l'adorata zia Molly, l'ultima cosa che si aspetta è di ricevere in eredità un'isoletta in mezzo al mare. Secondo le ultime volontà della donna, però, per entrarne in possesso, Darcy dovrà trascorrere almeno dodici mesi sull'isola di Tara, al largo delle coste occidentali dell'Irlanda. Una bella sfida, non c'è che dire, per una come lei, abituata alla frenetica vita londinese. Ma forse un cambiamento è proprio ciò di cui Darcy ha bisogno, così, senza quasi rendersene conto, da un giorno all'altro si ritrova a dover dire addio alle amate scarpe con il tacco per indossare un paio di orribili stivali. Adattarsi alla spartana vita dell'isola sarà un'impresa tutt'altro che facile, ma nel ristorantino appena aperto, tra una tazza di tè e i biscotti fatti in casa, Darcy scoprirà che l'isola ha molto da offrire... E dopo le difficoltà iniziali, il calore e l'affetto della piccola comunità di Tara finiranno per conquistare anche la mondana Darcy. Nuovi amici e forse un nuovo amore l'attendono dietro l'angolo: chi, tra l'affascinante Conor e il testardo Dermot, saprà far battere il suo cuore?
 
 


3 Stelle e mezza
 
 
Il titolo di questo libro ha senz'altro svolto bene la sua ammiccante funzione perché è riuscito ad attirare la mia attenzione da lettrice.
Del resto, nel cervello di ogni appassionata di Jane Austen che si rispetti,scatta un particolare maccanismo alla menzione del celebre cognome del tanto amato protagonista di Orgoglio e Pregiudizio; tuttavia questa volta, le mie aspettative di ritrovarmi coinvolta nella lettura di uno spin-off che narrasse le vicende del mio beniamino sono andate deluse.
Si, perché il titolo Colazione da Darcy è ispirato al celebre film Colazione da Tiffany con Audrey Hepburn, a sua volta trato dall'omonimo romanzo di Truman Capote e viene spiegato in un passo del libro:
 
"La sera della cena Roxi mi ha detto che somigliavo ad Audrey Hepburn. Ovviamente non era vero. Ma in Colazione da Tiffany è proprio così, che si sente Holly Goghtly quando entra da Tiffany: al sicuro."
 
La trama segue lo stesso schema di ogni chick- lit che si rispetti; quello che però costituisce una piccola piacevole variazione è il personaggio di Eamon con le sue leggende celtiche.
Ho sempre amato le leggende celtiche e mi ha fatto piacere ritrovarle qui.
Non ho dato il massimo perché all'inizio non mi sono sentita molto coinvolta nella storia e perché alcune situazioni mi sono sembrate troppo inverosimili persino per un chick-lit, ma complessivamente ritengo Colazione da Darcy un romanzo passabile.
 
Consigliato: sì
 
Tempo di Lettura: una settimana
 
Umore: rilassato, da leggere se si è in cerca di una lettura non impegnativa.

lunedì 15 luglio 2013

Recensione: "Quel che resta del giorno" di Kazuo Ishiguro

 

Titolo: Quel che resta del giorno
Autore: Kazuo Ishiguro
Prezzo: 12 euro
Pagine:271
Editore: Einaudi





 
                                                            
 
Trama:
 

La prima settimana di libertà dell'irreprensibile maggiordomo inglese Stevens diventa occasione per ripensare la propria vita spesa al servizio di un gentiluomo moralmente discutibile. Stevens ha attraversato l'esistenza spinto da un unico ideale: quello di rispettare una certa tradizione e di difenderla a dispetto degli altri e del tempo. Ma il viaggio in automobile verso la Cornovaglia lo costringe ben presto a rivedere il suo passato, cosi tra dubbi e ricordi dolorosi egli si accorge dì aver vissuto come un soldato nell'adempimento di un dovere astratto senza mai riuscire ad essere se stesso. Si può cambiare improvvisamente vita e ricominciare daccapo? Da questo romanzo di Ishiguro, acclamato in Gran Bretagna e negli Stati Uniti e vincitore del prestigioso Booker Prize, nel 1993 il regista americano James Ivory ha tratto un famoso film con Anthony Hopkins ed Emma Thompson.
 

 
 
Ho deciso di non dare nessuna stella non perché il libro non ne fosse degno, anzi, ma perché a volte, semplicemente non riesco a giudicare un libro in base a questo criterio.
Quel che resta del giorno è un libro immenso, da meditare e metabolizzare pian piano.
 
Mr Stevens, maggiordomo a servizio di un rispettabile Lord inglese, rievoca memorie dei tempi andati, di particolari momenti della propria vita, durante un viaggio in macchina.
Egli, totalmente dedito al lavoro,ha sacrificato tutto sé stesso alla "dignità di maggiordomo" nell'adempimento delle proprie funzioni.
Il viaggio, anch'esso intrapreso per questioni lavorative, è il momento ideale per Mr Stevens di ripercorrere la propria vita e chiedersi se, forse, sarebbe stato il caso di affrontare alcune situazioni in maniera differente e quali avvenimenti si sarebbero verificati in conseguenza di ciò.

Devo confessare che, durante la lettura, mi sono sentita pervadere da una profonda maliconia e mi è venuto spontaneo pensare ad un altro maggiordomo, Mr Carson, celebre maggiordomo della fantomatica Downton Abbey, nel quale ho ritrovato le stesse caratteristiche di Mr Stevens.

Tornando al libro, penso che il messaggio che l'autore vuole mandare sia di non vivere la propria vita a senso unico, di non guardare in una sola direzione, bensì di aprirci a nuove prospettive e possibilità; potrebbe infatti arrivare un momento nella nostra vita durante il quale tutto potrebbe essere rimesso in discussione.


Consigliato: assolutamente sì

Tempo di Lettura: un mese

Umore: riflessivo, meditativo

domenica 14 luglio 2013

Presentazione del blog

Salve, mi chiamo Cecilia e, con un pizzico d'incoscienza, ho deciso di condividere la mia passione per i libri tramite un blog. Leggo un po' di tutto, anche se preferisco evitare gli horror e la letteratura gotica non faccia proprio impazzire; al contrario mi piace molto la letteratura dell'Ottocento; adoro l'epoca Regency e quella Vittoriana, la mia scrittrice preferita è Jane Austen. Insomma, adoro il Regno Unito e tutto ciò che lo riguarda. Della letteratura contemporanea apprezzo particolarmente il genere Distopico ma,come ho già detto, cerco di variare le mie letture.

 




"The Restless Readers' Room" nasce con  la precisa intenzione di condividere principalmente la mia passione per lettura e scrittura, ma anche per commentare altri aspetti culturali che siano legati ad essa.
Il blog è ancora agli inizi, io sono alle prime armi in questo campo, tuttavia mi impegnerò per garantire un miglioramento costante nell'evoluzione di questo progetto, che vedo sia come uno spazio dove potermi esprimere liberamente, sia come un servizio reso a chiunque lo legga e sono sicura sarà una grande, positiva esperienza.
Accetto critiche e consigli, purché entrambi siano costruttivi.
Grazie :).

Mi trovate su Facebook e su Anobii

Nel caso in cui vorreste mettervi in contatto con me, potete inviare le vostre email al seguente indirizzo:

ceciliadarcy96@gmail.com



Stay Tuned!
Buona permanenza! :)

Cecilia