giovedì 31 ottobre 2013

Inventory Time e Libro del Mese - Ottobre 2013

E' arrivata la fine del mese, tempo d' Inventario...
 

In questo mese d'Ottobre ho letto:
 
-Il rito del tè di Marilena Monti
-Il diario perduto di Jane Austen di Syrie James
-Mansfield Park di Jane Austen
- Chi è Mara Dyer di Michelle Hodkin
- L'incanto di cenere di Laura Maclem
- Allegiant di Veronica Roth
- Io non sono Mara Dyer di Michelle Hodkin
 
Troverete tutte le recensioni cliccando sull'omonimo link.
 
Il libro di questo mese è Mansfield Park di Jane Austen.
Con cinque stelle piene si è guadagnato il primo posto.
 
Al prossimo Inventario!

#W.W.W.Wednesdays (12)

Scusate il ritardo, rimediamo subito!

Per poter prendere parte a #W.W.W Wednesdays bisogna rispondere a tre semplici domande:

-Cosa stai leggendo?
-Cosa hai appena finito di leggere?
-Quale sarà il prossimo libro che leggerai?


 
Cosa stai leggendo?
 
Ho iniziato la lettura di Martin Eden di Jack London.
Sono ancora alle prime pagine, quindi non mi sono ancora fatta un'idea.
 

Inoltre continuo la lettura delle Confessioni di S. Agostino
 
 
 
Cosa hai appena finito di leggere?
 
Ho terminato di recente la lettura di Allegiant di Veronica Roth,
ultimo capitolo della trilogia di Divergent e Io non sono Mara Dyer di Michelle Hodkin.
 
Entrambi una delusione, ne parlo qui e qui
 
 

 
Quale sarà il prossimo libro che leggerai?

Sono ancora indecisa... Vi terrò aggiornati! ^^

Fateci sapere quali sono le vostre letture!

A presto!
 
Cecilia

lunedì 28 ottobre 2013

#Quotes of the Week (11)

Benvenuti a questo nuovo appuntamento di #Quotes of the Week, la rubrica del Lunedì!
Mi scuso per l'assenza ma, a causa dell'impegno scolastico, mi vedo costretta a sottrarre tempo alla lettura e, conseguentemente, non ho abbastanza citazioni da poter riportare.
Comunque, dopo questa breve parentesi, cominciamo!
Questa settimana le citazioni saranno tratte da Io non sono Mara Dyer di Michelle Hodkin e da Allegiant di Veronica Roth.



Citazioni tratte da Io non sono Mara Dyer di Michelle Hodkin:

- Perché continui a pensare che tutto si spieghi con la razionalità?

Citazioni tratte da Allegiant di Veronica Roth (Il libro è in ligua inglese, quindi lo saranno anche i brani riportati):

- It is impossible to erase my choices. Especially these.

- Take a person's memories, and you change who they are.

- I thought that "Divergent" explained everything that I am and everything that I colud be. Maybe I was wrong.


Per oggi è tutto.
Tienici aggiornato sulle tue #Quotes of the Week!

A presto!


domenica 27 ottobre 2013

Recensione: "Io non sono Mara Dyer" di Michelle Hodkin

Titolo: Io non sono Mara Dyer
Autrice: Michelle Hodkin
Prezzo di copertina: 17 euro
Prezzo ebook: 9,99 euro
Editore: Mondadori

Trama:

Mara Dyer sa di aver commesso un omicidio. Jude voleva farle del male, e lei si è difesa, grazie al terribile potere che le permette di uccidere con la forza del pensiero. Ma ora Jude è tornato, e nessuno le crede anche se giura di averlo visto con i suoi occhi. Quel ragazzo dovrebbe essere morto, e Mara rischia di finire i suoi giorni nell'ospedale psichiatrico in cui è tenuta in osservazione con una diagnosi di probabile schizofrenia. L'unica possibilità di salvezza è assecondare i medici e fingere di avere avuto un'allucinazione. Così la sera è libera di tornare a casa e vedere Noah, l'unico che ancora crede in lei e cerca di aiutarla a fare luce sui misteri che circondano la sua vita, proteggendola da Jude. Ma i fatti inquietanti si moltiplicano, e Mara rischia di impazzire sul serio: qualcuno entra in camera sua la notte e la fotografa mentre dorme, e un giorno le fa trovare una bambola appartenuta alla nonna, che soffriva dei suoi stessi disturbi. Mara, esasperata, cerca di bruciarla, ma nel fuoco rinviene un talismano complementare a quello in possesso di Noah...


 
2 Stelle
 
Incuriosita dalle innumerevoli recensioni positive, nonostante abbia trovato Chi è Mara Dyer passabile ma non lo consideri uno dei capolavori della letteratura paranormale, mantenendo la promessa di dare a questa trilogia una seconda chance, ho iniziato la lettura di questo secondo capitolo.
 
Il titolo originale del romanzo è The Evolution of Mara Dyer; personalmente non ho notato l'evoluzione citata dal libro piuttosto, dal comportamento semi paranoico della protagonista, direi che si è verificato l'esatto contrario.
 
I primi capitoli mi avevano incuriosita molto con l'introduzione della possibile causa genetica del disturbo di cui è affetta Mara ma, alcuni capitoli dopo, sono stata presa dalla noia causata dalla ripetitività della vicenda.
 
Lo stile è sempre scorrevole però mi è sembrato che tutto quanto il romanzo perda molto, divenendo una massa indistinta di parole che provoca un circolo vizioso e per certi versi stancante.
 
Inoltre il finale mi ha privata dell'unico motivo d'interesse nel seguire questa saga, quindi ci sono tutti i presupposti affinché io non legga l'ultimo capitolo delle avventure di Mara Dyer se non per curiosità riguardo alla verifica di alcune ipotesi venutemi in mente durante la lettura.
 
Peccato, probabilmente non conoscerò la vera Mara Dyer ma mi consola il fatto che non si conosca neppure lei.
 
Consigliato: no
 
Tempo di lettura: una settimana
 
Umore: curioso, annoiato
 

Michelle Hodkin è nata in Florida nel 1982, ha frequentato il college a New York e si è laureata in legge. Ha viaggiato il mondo con la sua compagnia teatrale. Ora si dedica solo alla scrittura e ai i suoi tre animali domestici.

Recensione: "Allegiant" di Veronica Roth

Titolo: Allegiant
Autrice: Veronica Roth
Prezzo di copetina: 15,78 euro
Prezzo ebook: 9,17 euro
Editore: Collins Children's Books

Lingua: inglese

Trama:

What if your whole world was a lie?
What if a single revelation—like a single choice—changed everything?
What if love and loyalty made you do things you never expected?
The explosive conclusion to Veronica Roth's #1 New York Times bestselling Divergent trilogy reveals the secrets of the dystopian world that has captivated millions of readers in Divergent and Insurgent.

[Traduzione]
Cosa [faresti] se il tuo intero mondo fosse una bugia?
Cosa se una singola rivelazione - come una singola scelta - cambiasse ogni cosa?
Cosa se l'amore e la lealtà ti facessero fare cose che non ti saresti mai aspettato?
L'esplosiva conclusione della trilogia di Divergent di Veronica Roth N. 1 di vendite del New York Times rivela i segreti del mondo distopico che ha catturato milioni di lettori in Divergent e Insurgent.

 

 
Ho terminato la lettura di Allegiant da diversi giorni, ma solo adesso posso dirmi pronta a condividere le mie impressioni.
Come al solito, quando ho troppe aspettative su un libro, questo mi delude.
Divergent e Insurgent li ho amati, nonostante non abbia condiviso tutte le scelte dell'autrice; Allegiant invece, arrivata a circa metà tomo, ho cominciato ad odiarlo.
Sarà stata l'introduzione di nuovi personaggi che non mi hanno convinto nemmeno un po', la morte (discutibile) di altri che mi erano cari, l'evoluzione di altri in modo totalmente insensato, la delusione prodotta dalla descrizione del mondo oltre la recinzione.
Sul piano distopico, ho trovato le teorie scientifche molto interessanti ma sul piano umano ho trovato Allegiant un fallimento su tutta la linea; nonostante tutto questo ero pienamente disposta a dare il massimo e non vedevo l'ora di leggere il finale della vicenda che, nella mia testa, era ormai scontato che questa avesse.
Mi ero già "bruciata" una volta, sempre con un altro distopico sul quale nutrivo alte aspettative ma ero certa che non sarebbe successo ancora, almeno non con la Roth, non con l'ultimo capitolo di quella che considero la migliore saga Distopica degli ultimi anni.
E invece è accaduto.
 
Never say never.
 
Comunque non ho trovato tutto da buttare, ci sono alcuni passi dove si ritrova lo spirito originale che ha caratterizzato Divergent ma inserirli qui farebbe diventare questa mia una recensione spoilerosa, dunque vi do appuntamento alla rubrica #Quotes of the Week dedicata alle citazioni dove questi passi. avranno un loro spazio.
 
Il trauma è ancora forte però posso dire che, se da un lato ho apprezzato la coerenza dell'autrice con l'originalità riguardo al finale mostrata nei volumi precedenti, dall'altro non posso essere contenta dello sviluppo della narrazione e soprattutto del fato dei personaggi.
 
Per questa lotta interiore, mi riservo il diritto di sospendere il giudizio in stelle e rimandarlo (forse) alla rilettura italiana di Allegiant perché purtroppo, citazione dal testo, it is impossible to erase my choices. Especially these.
 
Divergent Trilogy: 





Divergent (2011)
Insurgent (2012)
Allegiant (Ottobre 2013 Stati Uniti - Primavera 2014 Italia)
 
Consigliato: nì
 
Tempo di lettura: una settimana
 
Umore: curioso, riflessivo
 
Veronica Roth
Si è laureata in scrittura creativa presso la Northwestern University e ha esordito giovanissima con il bestseller Divergent rubando il tempo agli esami. Ora vive a Chicago e fa la scrittrice a tempo pieno.
 



giovedì 24 ottobre 2013

#On My Bookshelf (4)

Benvenuti ad un nuovo appuntamento con #On my Bookshelf, la rubrica dedicata alle New Entry della mia libreria!
 
 
 
Oggi abbiamo una solo New Entry e si tratta di Cappuccetto Rosso Sangue di Sarah Blakely Cartwright e David Leslie Johnson, ricevuto tramite uno scambio:
 
Titolo: Cappuccetto Rosso Sangue
Autori: Sarah Blakely Cartwright e David Leslie Johnson
Prezzo edizione rilegata: 17 euro
Prezzo edizione economica: 9,50 euro
Editore: Mondadori

Trama:

Valerie, una coraggiosa ragazza a cui la nonna ha donato un manto di seta rosso, vive nel piccolo villaggio di Daggorhorn, assediato da anni da un lupo mannaro. Di giorno la belva prende sembianze umane e di notte, quando la luna ha il colore del sangue, si aggira per i boschi e uccide senza pietà. Il Lupo potrebbe essere chiunque: Peter, il giovane solitario e misterioso di cui Valerie è innamorata, il ricco Henry, a cui la ragazza è promessa in sposa, Lucie, la dolce sorella che Valerie adora e a cui vorrebbe assomigliare, o chissà chi altro. Mentre la popolazione, sempre più spaventata, decide di chiamare un cacciatore di licantropi, la ragazza dal manto rosso percepisce un insistente richiamo: Vieni via con me...

In realtà Cappuccetto Rosso Sangue nasce come pellicola cinematografica che reinterpreta in chiave gotica la famosa fiaba di Perrault, dunque questa volta è il libro ad essere tratto dal film.
 

Tra il cast spicca la presenza di Amanda Seyfried (Mamma Mia, Les Miserables), Gary Oldman (Harry Potter, La Lettera Scarlatta) e Billy Burke (The Twilight Saga); a Twilight è legata anche la regista Catherine Hardwicke, la quale ha diretto anche il film tratto dall'omonimo libro della saga vampiresca più famosa degli ultimi tempi.
 
 
Staremo a vedere!


mercoledì 23 ottobre 2013

#W.W.W. Wednesdays (11)

Benvenuti ad un altro appuntamento con la rubrica settimanale del Mercoledì, #W.W.W. Wednesdays!

Per poter prendere parte a #W.W.W Wednesdays bisogna rispondere a tre semplici domande:

-Cosa stai leggendo?
-Cosa hai appena finito di leggere?
-Quale sarà il prossimo libro che leggerai?


 
Cosa stai leggendo?
 
E' appena uscito in America, ma l'ho già acquistato e iniziato, non riuscendo a sopportare una lunga attesa per la traduzione; sto parlando di Allegiant di Veronica Roth,
capitolo conclusivo della trilogia di Divergent.
 
 
 
"One Choice Will Define You"
 
Avrete notizie a breve (ma già promette bene :D)
 
Inoltre sto proseguendo la lettura di Io non sono Mara Dyer di Michelle Hodkin,
secondo volume della saga di Mara Dyer e
Le Confessioni di S. Agostino, i quali sono stati un po' messi da parte da questa uscita tanto attesa; non preoccupatevi, comunque, perché saprete presto anche ciò che penso riguardo a questi due. :)
 


Cosa hai appena finito di leggere?
 
Ahimé, a causa di impegni vari tra cui quello scolastico, la risposta a quest domanda rimane quella dello scorso #W.W.W.Wednesdays, dunque vi invito a visualizzarlo qui
 
 
Quale sarà il prossimo libro che leggerai?

Sono ancora indecisa... Vi terrò aggiornati! ^^

Fateci sapere quali sono le vostre letture!

A presto!

Cecilia
 


domenica 20 ottobre 2013

Banner & Blog Amici

Salve a tutti!
Questo post è dedicato ai banner e ai blog amici.

Questo è il mio banner:

Purtroppo ho avuto dei problemi con il link, quindi se volete prelevarlo per aggiungerlo al vostro blog,  salvetelo e inseritelo come una normale immagine.
Ovviamente se mi avviserete, sarò felice di ricambiare :) .
Questi sono i blog che seguo:











http://neversaybook.blogspot.it/






Bottega Editoriale - Servizi editoriali, comunicazione e giornalismo

mercoledì 16 ottobre 2013

#W.W.W. Wednesdays (10)

Benvenuti ad un altro appuntamento con il giochino settimanale del Mercoledì, #W.W.W. Wednesdays!

Per poter prendere parte a #W.W.W Wednesdays bisogna rispondere a tre semplici domande:

-Cosa stai leggendo?
-Cosa hai appena finito di leggere?
-Quale sarà il prossimo libro che leggerai?

 
 
 
Cosa stai leggendo?
 
Al momento, sto leggendo Io non sono Mara Dyer di Michelle Hodkin.
Nonostante il primo volume sia stato una mezza delusione, ho deciso di continuare a seguire questa saga; ne saprete di più a breve.
 
Sto inoltre continuando la lettura de Le Confessioni di S. Agostino.
 


 
 
 
Cosa hai appena finito di leggere?
 
L'ultimo libro letto è L'incanto di Cenere di Laura Maclem, una rivisitazione della fiaba di Cenerentola davvero originale.
 
Ecco la recensione (qui).
 
 
 
Quale sarà il prossimo libro che leggerai?
 
Sono ancora indecisa... Vi terrò aggiornati! ^^
 
 
 
Fateci sapere quali sono le vostre letture!
 
A presto!
 
Cecilia


Recensione: "L'incanto di Cenere" di Laura MacLem

 




Titolo: L'incanto di Cenere

Autrice: Laura MacLem
Prezzo di copertina: 9,90 Euro
Prezzo ebook: 4,99 Euro
Editore: Asengard

Trama:

Una fanciulla e le sue sorellastre, una scarpina di cristallo, topi e zucche e un grande ballo, ma soprattutto un terribile segreto e un patto diabolico...
 
 
 
 


2 Stelle
 
Mi sono tuffata nella lettura de L'incanto di Cenere divertita all'idea di una rivisitazione di Cenerentola dove, per una volta, la protagonista non venisse dipinta come una santarellina.
Ma l'autrice ci va giù pesante e stravolge tutta la storia; peccato l'idea di partenza era abbastanza buona.
Note positive sono lo stile scorrevole e anche l'ambientazione storica, un mix fra Medioevo e Ottocento che ho trovato originale; inoltre anche Genevieve fa la sua bella figura come protagonista solida e moderna.
Purtroppo la Cinderella dark non mi è piaciuta nemmeno un po', per questo motivo non me la sento di dare la sufficienza con tre stelle piene.
Tuttavia spero di leggere altre opere di Laura MacLem che magari possano farmi cambiare idea e consiglio L'incanto di Cenere agli appassionati di romanzi gotici: forse farà il suo effetto!
 
 
Consigliato: nì
 
Tempo di lettura: 3 Giorni
 
Umore: rilassato
 
Laura MacLem
Classe 1978, innamorata non corrisposta delle materie scientifiche, è stata ricambiata dalle discipline umanistiche, il cui sodalizio è iniziato con l’alfabetizzazione, è proseguito con una laurea inutile come i trampoli per una giraffa, ed è finito rendendosi conto che sarebbe stato meglio fare la ragioniera. Rendersene conto, però, è servito a poco, e l’amore è proseguito nella scrittura, presa scaramanticamente come un gioco, tanto da aver iniziato con le fan fiction. L’interesse suscitato dal pubblico del web è stato tale da convincerla a scrivere qualche storia originale, sempre per gioco, preso però troppo sul serio perché fosse disposta ad ammetterlo. Così, per gioco, ha mandato la sua opera prima “Il Lamento dell’Usignolo” a un concorso letterario edito da Edizioni Montag (casa editrice ultimamente orientata verso l’EAP, ma che ai tempi era ancora quasi esclusivamente free). E il gioco è finito, perché Montag ha pubblicato Il Lamento dell’Usignolo nel 2007, che le ha aperto la strada verso il fantasy.
 

domenica 13 ottobre 2013

Recensione: "Chi è Mara Dyer" di Michelle Hodkin

Titolo: Chi è Mara Dyer? (Primo volume della Mara Dyer's Trilogy)
Autrice: Michelle Hodkin
Prezzo di copertina: 16 euro
Prezzo ebook: 9,99 euro
Editore: Mondadori

Trama:

Era solo un gioco. Eppure Mara non voleva partecipare alla seduta spiritica con le sue amiche Rachel e Claire. Sei mesi dopo, Mara si risveglia dal coma in una stanza di ospedale. E le sue amiche sono morte. Cos'è successo quella notte al manicomio abbandonato? Perché Mara è l'unica sopravvissuta? Orribili allucinazioni iniziano a perseguitarla e un dubbio si insinua nella sua mente: e se fosse stata lei a causare quelle morti, come aveva predetto la seduta spiritica? L'incontro con il turbolento, bellissimo Noah potrebbe essere la sua salvezza o la sua definitiva condanna. Perché anche Noah ha un segreto, legato al grande mistero che la tormenta: chi è Mara Dyer?


 
3 Stelle
 
Avevo già sentito parlare di Chi è Mara Dyer , ma poiché si presentava come l'ennesimo thriller con elementi paranormali (genere quello del paranormale, che decisamente non amo), non gli avevo prestato molta attenzione.
Questa circostanza è mutata dalla pubblicazione del secondo volume della saga, Io non sono Mara Dyer, uscito all'inizio di Settembre: infatti, leggendo recensioni lusinghiere al riguardo, ho deciso di cimentarmi nella lettura di questo romanzo.

Inizialmente la lettura mi aveva preso moltissimo ma, arrivata a circa metà libro, il mio interesse ha iniziato a scemare lentamente.

La vicenda è interessante e ben strutturata, però mi ha richiamato alla mente elementi già utilizzati in altre saghe; inoltre avevo previsto che il tutto si sarebbe chiuso con quello che in teoria dovrebbe essere l'elemento sorpresa ma in pratica ha perso questa funzione, visto che viene usato quasi in ogni primo libro di una trilogia.

Nonostante i toni pessimistici della recensione fino a questo momento, seguirò l'evoluzione della vita di Mara per verificare una teoria sorta da un banalissimo collegamento intrecciato quasi all'ultimo rigo.

Spero che anche voi continuiate ad osservare gli sviluppi e condividiate la convinzione che, a volte, un dettaglio apparentemente insignificante sia invece il punto focale di ogni cosa.

E se non fossimo noi ad agire ma ad essere agiti dalle circostanze? 


Consigliato: sì

Tempo di lettura: 5 Giorni

Umore: curioso

Michelle Hodkin è nata in Florida nel 1982, ha frequentato il college a New York e si è laureata in legge. Ha viaggiato il mondo con la sua compagnia teatrale. Ora si dedica solo alla scrittura e ai i suoi tre animali domestici. Chi è Mara Dyer è il suo romanzo d'esordio.




 

mercoledì 9 ottobre 2013

#W.W.W.Wednesdays (9)

Benvenuti ad un altro appuntamento con il giochino settimanale del Mercoledì, #W.W.W. Wednesdays!

Per poter prendere parte a #W.W.W Wednesdays bisogna rispondere a tre semplici domande:

-Cosa stai leggendo?
-Cosa hai appena finito di leggere?
-Quale sarà il prossimo libro che leggerai?


 

Cosa stai leggendo?
 
Attualmente sto leggendo Chi è Mara Dyer di Michelle Hodkin, incuriosita dai commenti positivi riguardanti il secondo volume della trilogia uscito da qualche tempo per Mondadori
 
e Le Confessioni  di S. Agostino.
 
 
 


 


Cosa hai appena finito di leggere?
 
L'ultimo libro letto (si tratterebbere di una rilettura in realtà, visto che cambia solamente l'edizione) è Mansfield Park di Jane Austen.
 
Recensione qui
 


Quale sarà il prossimo libro che leggerai?
 
Credo che il prossimo libro in lettura sarà L'incanto di Cenere di Laura Maclem.
La sinossi m'incuriosisce molto, non vedo l'ora di conoscere, finalmente, una Cenerentola cattiva! :D
 


 
E voi? Quali sono le vostre letture?
 
 
A presto!
 
Cecilia

lunedì 7 ottobre 2013

Project Ten Books: Considerazioni conclusive

Ho finalmente concluso la mia esperienza con il Project Ten Books,  iniziativa proposta dalla pagina Facebook Guardare di quante pagine è un libro prima di iniziare a leggerlo, a cui ho partecipato molto volentieri, e finalmente posso fare la mie considerazioni, di cui voglio rendervi partecipi.



Lati Positivi:

- E' selettivo e dà "sicurezza" riguardo alle tue prossime letture.

- Ti crea uno schema mentale.

- Grazie al divieto di comprare/ scambiare libri volontariamente, ti libera per tutta la durata della preoccupazione circa lo spazio esiguo della tua libreria; inoltre di conseguenza, tifa risparmiare qualche soldino.

- Ti risparmia regali librosi indesiderati e situazioni imbarazzanti di genere simile a quella ipotizzata, poiché informi subito tutti i tuoi conoscenti del fatto che non puoi leggere altri libri che non siano quelli facenti parte della lista dei Dieci.


Lati Negativi:

- Limita appunto la tua facoltà di scelta delle lettura.

- Ti impedisce di scegliere le lettura secondo l'inclinazione del momento.

- Ti vieta di procurarti nuovi libri, ergo bisogna stare alla larga dai luoghi dove potresti trovare libri, almeno che tu non abbia un autocontrollo molto forte; se entri lo fai a tuo rischio e pericolo.

Di seguito l'eleco dei miei Ten Books; per visualizzare le varie recensioni basta cliccare sul titolo del romanzo.

Vorrei inolte spendere due parole riguardo a Sulla strada di Jack Keroauc, del quale non troverete la recensione perché l'ho abbandonato.
Non è un abbandono definitivo, ma penso che per interiorizzarlo occorra una particolare predisposizione d'animo che, al momento, sento di non avere; dunque probabilmente lo riprenderò in futuro.


 
 
 
 
 
 
In conclusione, questa del Project Ten Books  è stata sicuramente un'esperienza costruttiva, ma sono contenta di averla conclusa perché cominciavo a sentire la mancanza dei lati negativi sopracitati.
 
 
Spero di essere stata esaustiva nell'esporre il mio punto di vista.
 
Buon Project  a chi lo sta ancora facendo e buone letture a tutti!
 
 
Cecilia