lunedì 31 agosto 2015

Recensione: "Alice, punto e a capo" di Carol Marinelli

Titolo: Alice, punto e a capo
Autrice: Carol Marinelli
Pagine: 355
Prezzo di copertina: 12,90 euro
Prezzo ebook: 6,99 euro
Editore: Harlequin Mondadori

Sinossi:
Alice è l'amica che vorresti avere. La ragazza che rende una festa più divertente, beve vino da una tazza e ti fa ridere mentre stai piangendo per un ex. Alice è assolutamente felice, tutto è meraviglioso e non c'è nulla di cui preoccuparsi … tranne che, ok: il suo lavoro era davvero bello – 10 anni fa. E' innamorata del suo migliore amico, ma lui è gay. Gli estratti conto della sua carta di credito sono nascosti sotto il letto, chiusi. Ma forse il problema più grande di Alice è che nasconde un segreto. Un segreto così enorme che non può raccontarlo a nessuno. Come fai a mantenere un segreto così quando tutto sta iniziando ad andare a pezzi? E una volta che l'hai finalmente rivelato, da dove cominci a rimettere insieme la tua vita?




Devo confessare una cosa: ho sempre avuto una predilezione per i capelli rossi. Forse questa preferenza è connessa al cartone animato tratto dal romanzo di Lucy Maud Montgomery che ha accompagnato le mattine della mia infanzia o forse no, comunque il faccione simpatico in copertina ha in un certo modo perché, per una volta, non è un faccione standard ma ha attinenza con la protagonista.
Alice Lydia Jameson effervescente al naturale, liscia per scelta, sembrava dover essere l'erede della svampita Becky Bloomwood invece, fortunatamente, si è rivelata essere di tutt'altro stampo; quel punto e a capo infatti non è da sottovalutare. 
Questo romanzo che pretende - più nel significato inglese di fingere - di essere un chick lit nasconde, sotto toni da commedia, un messaggio profondo. Una ricerca di sé per rinascere, aggiustando ciò che è andato storto tramutando una potenziale scintillante Dorothy in uno Spaventapasseri spaurito.
Un ruolo rilevante è assegnato, nella narrazione, alla figura dello psicologo a cui va il merito di aver supportato e sopportato Alice nel proprio percorso di crescita interiore tramite l'accettazione di ciò che era accaduto e delle situazioni recenti che le scombussolavano l'esistenza per accettare infine di aprire la porta ad una nuova vita.
Un drama inaspettato, un po' prevedibile nel conclusioni però, in un certo senso, illuminante.
Non banale, attuale quanto una puntata dei programmi sugli adolescenti di MTV se visti sotto un profilo psicosociologico, il nuovo romanzo di Carol Marinelli si distingue pur non brillando, lasciando comunque qualche spunto di riflessione; Alice, con le proprie fragilità, ci mostra noi stessi più di quanto non vorremmo ma dona una sincera speranza di successo nel ritrovare la strada della felicità e ricominciare. Punto e a capo.


Risultati immagini per carol marinelliCarol Marinelli è nata e cresciuta in Inghilterra, ha conosciuto il marito durante una vacanza in Australia. Scrive medical romance di successo.

venerdì 28 agosto 2015

Anteprime Settembre/Ottobre II

Altri titoli da tenere d'occhio in quest'autunno. Buona lettura! C.

8 Settembre


 Titolo: Quello che hai amato - Undici donne, undici storie vere
a cura di Violetta Bellocchio
Prezzo di copertina: 15 euro
Prezzo ebook: 7,99 euro
Editore: UTET

Sinossi:
State per leggere undici storie d’amore molto diverse tra loro. Parole che scavano fino alle ossa e alla pelle.


ME 619753 – di Nadia Terranova
Imparare il mio nome in Irlanda – di Mari Accardi
Acqua – di Giusi Marchetta \ Ventitré – di Carolina Crespi
Napoli quando devi attraversare la strada – di Raffaella Ferré
Da Mario Merola a Kendrick Lamar: storia d’amore senza nessuna separazione – di Claudia Durastanti
Tutti i luoghi del mio abbandono – di Giuliana Altamura \ Gioia e Fosco – di Flavia Gasperetti
Twin Peaks per principianti – di Chiara Papaccio \ La sugna – di Serena Braida
L’ospite non dorme mai – di Violetta Bellocchio




Titolo: Fiat 1110
Autrici: Gisella Colombo - Carmelita Fioretto
Prezzo di copertina: 12,90 euro
Editore: Harlequin Mondadori

Sinossi:
Milano, anni Sessanta. Al Camparino, un bar storico del centro, Anna si trova con il fidanzato Guido. Dalle due uscite del locale, però, si dipartono due percorsi che corrono in parallelo, in bilico tra il reale e l'immaginario. Due vite, scelte diverse, che partono entrambe da quel giorno, da quel bar. A compierle la stessa donna. Due storie d'amore molto diverse, con snodi in comune. Come due dimensioni parallele del reale, dove i sentimenti si incrociano per dare vita a esistenze opposte, eppure così simili. Una sola donna e due uomini completamente diversi. Uno la conduce a una vita prevalentemente milanese e rappresenta un perfetto esempio di vita borghese. L'altro la invita alla ribellione agli schemi fissi e alle convenzioni, portandola dalla Francia agli Stati Uniti, in ambienti frequentati da artisti e intellettuali.Due vite, una donna. Due possibilità, ma forse due di un milione.

 Titolo: Firebird - La caccia
Autrice: Claudia Gray
Prezzo di copertina: 16 euro
Editore: Harlequin Mondadori

Sinossi:
Marguerite Caine è cresciuta respirando intorno a sé le teorie scientifiche più all'avanguardia. I suoi genitori, infatti, sono due famosi scienziati che sono riusciti a realizzare la macchina più stupefacente di tutti i tempi: il Firebird. Si tratta di un congegno che permette di viaggiare in dimensioni parallele, basandosi sulla teoria che esistono infiniti universi, che sono poi quelli delle possibilità. Ciò che non è stato in questo mondo si è certamente realizzato in uno degli altri. Il padre di Marguerite, però, è misteriosamente scomparso. Sembra che a ucciderlo sia stato Paul, uno degli assistenti, che è poi fuggito impunito in un'altra dimensione, portando via con sé tutti i dati relativi al Firebird. Marguerite si lancia alla ricerca del padre e grazie a Theo, uno studente di fisica che l'aiuta nell'impresa, riesce a ingaggiare una caccia all'uomo pluri-dimensionale, tra una Londra del futuro, una Russia ai tempi dello Zar e un mondo sottomarino... Le vite sono mille. Mille le possibilità. Ma il destino è uno soltanto.



 

Titolo: La figlia dell'ambasciatore
Autrice: Pam Jenoff
Prezzo di copertina: 14,90 euro
Editore: Harlequin Mondadori

Sinossi:
Parigi, 1919. A Margot Rosenthal, giovane e bella ragazza tedesca, la vita parigina sta decisamente un po' stretta. Ha accompagnato il padre diplomatico alla conferenza di pace che si tiene nella capitale francese e non le piace affatto essere guardata ancora come un nemico. Quando però inizia ad accarezzare l'idea di tornare a Berlino e a una vita con Stefan, il fidanzato ferito, reduce di guerra, che ormai stenta a riconoscere, arriva alla conclusione che in fondo stare a Parigi non è poi così male.Annoiata e contesa tra ciò che il dovere le impone e il desiderio di essere libera, Margot stringe amicizie improbabili: con Krysia, un abile musicista con conoscenze radicali e un segreto da nascondere e con Georg, affascinante ufficiale che non solo le trova un lavoro, ma riesce a far vacillare tutto quello che Margot credeva di sapere di se stessa e del proprio senso di lealtà.Sullo sfondo di uno dei più importanti avvenimenti del secolo, una rete delicata di bugie offusca la linea tra le ferite di guerra e quelle del cuore, rendendo la fiducia un lusso che nessuno può davvero permettersi. 

10 Settembre

Titolo: E' la vita, Joy!
Autrice: Nell Dunn
Prezzo di copertina: 17,50 euro
Prezzo ebook: 9,90 euro
Editore: Sonzogno

Sinossi:
Londra, anni Sessanta. Joy, detta Fiorellino, porta una finta coda di cavallo bionda, ha gambe magre su scarpe di camoscio dai tacchi alti, il corpo esile, i seni grossi. Non esce di casa senza le sue ciglia finte e i riccioli alla Cleopatra sistemati dietro le orecchie. A vederla passeggiare per strada guardando le vetrine, scherzando con le amiche, facendo battute sugli uomini, non si direbbe che la sua è una vita di stenti, costellata di guai. Si è sposata presto, Joy, con un rapinatore, attratta dall'avventura e dai soldi facili. Invece i soldi un giorno ci sono e quello dopo no. E quando suo marito finisce in prigione lei, rimasta incinta del piccolo Jonny, è costretta a crescerlo da sola. Eppure Joy non si arrende, anche perché a ventidue anni è ancora troppo giovane per rinunciare all'amore. Allora arriva Dave, di nuovo un poco di buono, così più affettuoso e divertente del marito da farla sentire una regina anche quando se ne stanno soli tra quattro mura a fumare, suonare la chitarra o ascoltare le hit preferite alla radio. D'altra parte, poco importa che sia Dave il vero amore: quando le cose si mettono male anche per lui, povero cristo, ancora una volta Joy non intende rassegnarsi. E ora, più di prima, dovrà imparare ad arrangiarsi da sola, tra lavoretti precari, storie di una notte, sogni a occhi aperti, scelte difficili, ma anche la forza e la testardaggine di imparare.


15 Ottobre

Titolo: Miss Jerusalem
Autrice: Sarit Yishavi Levi
Prezzo di copertina: 17,50 euro
Prezzo ebook: 9,90 euro
Editore: Sonzogno

Sinossi:
Sullo sfondo di una storia secolare, il ritratto di una famiglia ebraica, proprietaria sin dall'Ottocento di un delicatessen nel cuore di Gerusalemme. Negli anni Settanta, è la giovane e ribelle Gabriela a raccontare vicissitudini, segreti e menzogne degli Ermoza, e soprattutto a far rivivere la leggenda della madre, la bellissima Luna, contesa da tutti gli uomini della città ma costretta a sposare un uomo che non la ama. Da generazioni, infatti, sulla famiglia grava una maledizione che costringe le donne a una vita sentimentale infelice. Ma Gabriela è determinata a spezzare questa catena e a riscattare i cuori di tutte le donne della sua stirpe, conquistando per sé il vero amore.

martedì 25 agosto 2015

#DonaunLibroAccendilaCultura Recensione: "Aspettando buone notizie" di Kate Atkinson

Titolo: Aspettando buone notizie
Autrice: Kate Atkinson
Pagine: 375
Prezzo di copertina: 18,50 euro
Prezzo ebook: 9,99 euro
Editore: Marsilio

Sinossi:
Joanna aveva solo sei anni quando, un tardo pomeriggio d'estate, un uomo sconosciuto comparso dal nulla sulla strada che lungo i campi portava verso casa uccise sua madre e i suoi fratelli. "Corri, Joanna, corri" le aveva urlato la madre, e lei aveva obbedito, si era persa in mezzo al grano, ed era riuscita a fuggire. Trent'anni dopo, Joanna non è più la bambina perduta in quel campo irrorato di sangue, ora nella sua vita tutto sembra funzionare alla perfezione: ha un buon lavoro, una bella casa, un marito affettuoso e un bambino per cui nutre un amore immenso. Ma solo perché una volta ti è successa una cosa terribile, non significa che non ti possa succedere di nuovo. Quando Joanna scompare misteriosamente insieme a suo figlio, Jackson Brodie, affascinante detective con la tendenza a confondere la professione con la vita privata, non può ignorare la richiesta d'aiuto di Reggie, la baby sitter poco più che adolescente che un bizzarro gioco del destino ha messo sulla sua strada. Sono proprio le coincidenze della vita, quelle che Brodie chiama "spiegazioni in potenza", l'ingrediente fondamentale di questa intricata storia, dove eventi drammatici, omicidi insensati e colpi di scena abbondano, e dove tutto ruota alla fine intorno alla perdita irrecuperabile di un affetto profondo. Ciò che resta, oltre alla consapevolezza che è possibile sopravvivere con grazia anche a un dolore che non passa, è comunque l'amore: feroce, viscerale e travolgente, per tutti l'unica cosa che conta.




Questo libro è stato una tragedia, dall'inizio alla fine. Ma la colpa è mia che mi faccio abbindolare dai nomi importanti, dalle belle copertine e non degno mai di uno sguardo gli stralci di recensioni dei titoloni sulla quarta di copertina o lo faccio troppo tardi, come in questo caso.
Preso in lingua originale all'aereoporto come ricordo mentre aspettavo l'aereo che mi avrebbe riportata a casa segnando così la fine della mia prima gita all'estero e confortata dal fatto che sarebbe ben presto stato disponibile anche in italiano, Vita dopo Vita mi era piaciuto abbastanza da meritarsi 4 stelle; col senno di poi, di adesso, ne avrei data qualcuna in meno ma quel che è fatto è fatto, tutto scorre e gli errori stanno lì perché possiamo prendere esempio e fare diversamente: sbagliando si impara. Ho imparato che non devo fidarmi della Atkinson e delle case editrici che, sfruttando il successo di un romanzo, pubblicano la restante bibliografia a casaccio senza nemmeno badare se siano serie di più romanzi e in che ordine cronologico siano stati scritti. Fondamentali palesi per il lettore dopo essere arrivati a circa un terzo del romanzo senza aver colto i legami fra i vari personaggi o meglio aver capito che ci sono dei precedenti di cui non si è a conoscenza; il lettore che non può nemmeno contare su un rewind iniziato con previously o negli episodi precedenti. Non siamo in una serie TV ma potremmo esserlo perché la BBC ne ha effettivamente realizzata una basandosi sulla serie di Jackson Brodie; questo particolare purtroppo viene omesso sino alla scheda dell'autrice sul risvolto di copertina che non si è tenuti a leggere prima di aver finito il romanzo. Così, dopo 375 pagine di cui non sei riuscita ad apprezzare molto per via di quel mix formato da noia e fastidio per essere stata evidentemente presa in giro, decidi di non passarci sopra e non integrare le due cose, ché non sei tenuta a farlo, la BBC produce episodi di durata 60 minuti standard e sarebbe chiedere troppo ad una che non ha recuperato nemmeno gli ultimi episodi delle serie TV seguite la stagione scorsa per via del caldo e delle millemila altre cose che sembrano più allettanti nell'estate della maturità.
Ma questa dovrebbe essere una recensione del libro quindi è giusto che se ne parli. A parte i trascorsi irrisolti fra l'ispettore capo Louise Monroe ed il signor Brodie, le tirate pseudofilosofiche grondanti ateismo perché tutti coloro che professano una religione sono dei pazzi o dei creduloni ed una ragazzina leggermente - giusto un poco però - irritante che desidera disperatamente essere amata, orfanella perseguitata peggio di Oliver Twist, si parla di Joanna Mason sopravvissuta alla strage di cui è rimasta vittima la sua famiglia per opera di uno psicopatico e di come sia scomparsa insieme al bambino luce dei suoi occhi. Sarebbe potuta essere considerata una Amy Dunne dei poveri se quest'ultima non fosse nata con quattro anni di ritardo dalla penna di quel genio del male che è Gillian Flynn.
L'amarezza è tutto quel che resta oltre alla consapevolezza d'aver gettato via del tempo prezioso preziosissimo aspettando buone notizie.





Kate Atkinson è una delle più importanti scrittrici del panorama narrativo inglese e, nel 2011, è diventata Membro dell’Ordine dell’Impero Britannico per meriti letterari. Vive a Edimburgo.

lunedì 24 agosto 2015

Anteprime di Settembre/Ottobre

Carrellata di anteprime di titoli in WL. Enjoy. C.

In libreria dal:

3 Settembre

 Titolo: Via dalla pazza folla
Autore: Thomas Hardy
Pagine: 476
Prezzo di copertina: 9,90 euro
Editore: Garzanti

Sinossi:
Hardy è un meraviglioso creatore di figure femminili, e Batsceba, la protagonista di Via dalla pazza folla, è la prima e la più incantevole di esse. Irrequieta e indipendente, intelligente e svagata al tempo stesso, crede di raggiungere una completa autonomia quando eredita un magnifico podere e un'antica casa signorile. Ma la bella forestiera finisce col trovarsi contesa fra tre pretendenti: lo sfortunato, ma forte e sereno Oak, suo lavorante e fattore; il ricco fittavolo Boldwood, grave e austero; lo spregiudicato sergente Troy. È quest'ultimo ad avere la meglio sulle prime, ma alla fine sarà Oak con la sua cieca e malcompresa devozione a salvare le sorti della padrona e del piccolo mondo bucolico di Watherbury dai rovesci della sorte. Affascinante ballata rurale e primo grande romanzo di Hardy, Via dalla pazza folla (1874) è insieme il punto di passaggio fra la maniera idillica degli esordi e la visione tragica della maturità.


 Titolo: Librerie - Una storia di commercio & passioni
Autore: Jorge Carrion
Pagine: 336
Prezzo di copertina: 18,60 euro
Editore: Garzanti

Sinossi:
Dei libri come oggetti, come cose; delle librerie come vestigia archeologiche; delle vite e delle opere dei librai, stabili o ambulanti; della lettura come ossessione e come follia, ma anche come pulsione inconscia o come impresa commerciale; del mondo come libreria e della libreria come mondo; delle librerie universali e delle mie librerie private: di tutto ciò parlerà questo libro, che non molto tempo fa se ne stava in una libreria, in una biblioteca o su uno scaffale di un amico e che ora, lettore, anche se forse soltanto temporaneamente, è entrato a far parte della tua personale biblioteca.



8 Settembre

 Titolo: Il Gigante Sepolto
Autore: Kazuo Ishiguro
Pagine: 320
Prezzo di copertina: 17 euro
Editore: Einaudi

Sinossi:
Il leggendario re Artù è morto ormai da qualche tempo ma la pace che egli ha imposto sulla futura Inghilterra, dilaniata per decenni dalla guerra intestina fra sassoni e britanni, seppure incerta, perdura. Nella dimora buia e angusta di Axl e Beatrice, tuttavia, non vi è pace possibile. La coppia di anziani coniugi britanni è afflitta da un arcano tormento: una sorta di inspiegabile amnesia che priva i due di una storia condivisa. A causarla pare essere una strana nebbia dilagante che, villaggio dopo villaggio, avvolge indistintamente tutte le popolazioni, ammorbandole con i suoi miasmi. Axl e Beatrice ricordano di aver avuto un figlio, ma non sanno più dove si trovi, né che cosa li abbia separati da lui. Non possono indugiare oltre: a dispetto della vecchiaia e dei pericoli devono mettersi in viaggio e scoprire l’origine della nebbia incantata, prima che la memoria di ciò a cui più tengono sia perduta per sempre. Lungo il cammino si uniscono ad altri viandanti – il giovane Edwin, che porta il marchio di un demone, e il valoroso guerriero sassone Wistan, in missione per conto del suo re – e con essi affrontano ogni genere di prodigio: la violenza cieca degli orchi e le insidie di un antico monastero, lo scrutinio di un oscuro barcaiolo e l’aggressione di maligni folletti, il vetusto cavaliere di Artù Galvano e il potente drago Querig. Giungono infine in vista della meta, e qui li attende la prova più grande: saggiare la purezza del proprio cuore.

10 Settembre
Titolo:  La donna celata
Autrice: Colette
Pagine: 144
Prezzo di copertina: 14 euro
Editore: Baldini & Castoldi

Sinossi:
Niente è come sembra in questi racconti usciti dalla penna di Sidonie-Gabrielle Colette. L’amore, specialmente quello coniugale, è spesso il protagonista, con le sue tenerezze, complicità, consuetudini, eppure… mai dare nulla per scontato. Nemmeno di fronte all’immagine della felicità più composta, serena, perfetta. È sufficiente la maschera di un costume da Pierrot o una mano nascosta dallo schienale di una poltrona per scardinare l’illusoria immagine di tranquilla quotidianità e per introdurci nel mondo delle possibilità, dell’azzardo inteso come «tutto può succedere, basta lasciarsi andare». Ma ciò che si rompe – un equilibrio, un ritmo, un’abitudine – non sempre può essere riparato. Talvolta rimane il segno, altre tornare indietro non è più possibile, e c’è solo fallimento, solitudine, morte. In questi racconti, tuttavia, ci sono anche l’amore per il rischio e per la libertà, il rimpianto per il passato e il rammarico per il presente, un caleidoscopio di emozioni a cui il lettore non riuscirà a sottrarsi, perché Colette, con mirabile maestria, lo prende per mano introducendolo nelle sue storie. Con finali dall’esito sempre inaspettato. Sempre.

17 settembre


Titolo: Florence Gordon
Autore: Brian Morton
Pagine: 320
Prezzo di copertina: € 17,50
Editore: Sonzogno

Sinossi:
 Florence Gordon ha settantacinque anni e vive a Manhattan, ma non è certo una vecchia signora. È una femminista ebrea divorziata, una scrittrice scorbutica, un’attivista testarda e orgogliosa. Detesta la maggior parte delle cose che la gente trova piacevoli e ama mettere gli altri in difficoltà. Anche la famiglia è per lei un fastidio più che una rete di affetti. Florence sta lavorando alla sua settima fatica, un libro di memorie, e desidera solo restarsene a casa tranquilla, quando un importante articolo del New York Times la definisce “patrimonio nazionale”. Di colpo viene catapultata sotto le luci della ribalta e la sua vita prende un’accelerazione definitiva, obbligando Florence a uscire da quel filo spinato che aveva costruito attorno a sé. La situazione precipita appena i suoi “cari”, dalla lontana Seattle, si trasferiscono a New York. Florence si sente sotto assedio e sarà costretta ad avere molti più contatti con il prossimo di quanti ne vorrebbe.


10 Ottobre

Titolo: La casa di Parigi
Autrice: Elizabeth Bowen
Pagine: 288
Prezzo di copertina: € 17,50
Editore: Sonzogno

Sinossi: 
Florence Gordon ha settantacinque anni e vive a Manhattan, ma non è certo una vecchia signora. È una femminista ebrea divorziata, una scrittrice scorbutica, un’attivista testarda e orgogliosa. Detesta la maggior parte delle cose che la gente trova piacevoli e ama mettere gli altri in difficoltà. Anche la famiglia è per lei un fastidio più che una rete di affetti. Florence sta lavorando alla sua settima fatica, un libro di memorie, e desidera solo restarsene a casa tranquilla, quando un importante articolo del New York Times la definisce “patrimonio nazionale”. Di colpo viene catapultata sotto le luci della ribalta e la sua vita prende un’accelerazione definitiva, obbligando Florence a uscire da quel filo spinato che aveva costruito attorno a sé. La situazione precipita appena i suoi “cari”, dalla lontana Seattle, si trasferiscono a New York. Florence si sente sotto assedio e sarà costretta ad avere molti più contatti con il prossimo di quanti ne vorrebbe.

giovedì 20 agosto 2015

#DonaunLibroAccendilaCultura Recensione: "Jane Austen I luoghi e gli amici di Costance Hill (con illustrazioni di Ellen Hill)

Titolo: Jane Austen I luoghi e gli amici
Autrice: Costance Hill
Pagine: 240
Prezzo di copertina: 14 euro
Editore: Jo March

Sinossi:
Nel 1901, le sorelle Constance ed Ellen Hill infilarono in valigia taccuini e matite, noleggiarono un calesse vecchio stile e partirono alla ricerca di “Austenland”, come chiamarono, in modo bizzarro e ingegnoso, il mondo di Jane Austen – quel luogo fisico (l’Inghilterra della sua vita e dei suoi romanzi) ma anche letterario (il microcosmo delle persone della sua vita ma anche dei suoi personaggi) e soprattutto metafisico (la fonte dei sentimenti generati nei suoi lettori) sul quale regna incontrastato e sempre rigoglioso il suo genio creativo, da oltre duecento anni. Il pellegrinaggio di due Janeites della primissima ora, “due di noi”, alla scoperta delle tracce terrene della vita quotidiana della grande scrittrice, dà così vita a un’originale biografia sotto forma di diario di viaggio, in cui le impressioni personali ed entusiaste della biografa-ammiratrice di fronte ai luoghi austeniani convivono con le informazioni raccolte dal vivo lungo l’itinerario e con le stesse vibranti parole di Jane Austen, tratte dai romanzi e dalle lettere, ma anche dalle testimonianze dei suoi familiari, così come le ha raccolte il nipote James Edward Austen-Leigh nel prezioso Memoir, la prima biografia mai pubblicata. «Ora chiederemo ai nostri lettori, con l’immaginazione, di rimettere indietro le lancette del tempo a più di cento anni fa e di venire con noi alla presenza di Miss Austen».(dalla Prefazione)



Accade che tutti gli appassionati delle opere di Jane Austen prima o poi nella vita, desiderino ardentemente visitare Austenland. E' una sorta di momento topico, un segno dell'entrata nello spirito Austeniano
Letteralmente tradotto "Terra di Austen", il termine Austenland può essere inteso con diverse accezioni; la prima comprende tutti i luoghi e i personaggi della produzione letteraria della scrittrice, la seconda una commedia satirica con Keri Russell e JJ Field  volta a ridicolizzare il fanatismo Janeitiano, la terza invece indica, fisicamente parlando, tutti i posti e le persone venute a contatto con l'autrice durante la sua breve vita. Quest'ultimo significato fa al caso nostro perché l'Austenland che le le sorelle Hill "armate di penna e matita", scrittrice l'una ed illustratrice l'altra ed entrambe appassionate Janeites, ebbero il piacere di visitare è proprio questo.
Jane Austen I luoghi e gli amici è a metà tra un diario di viaggio e un saggio che Costance Hill tiene, corredato dalle illustrazioni della sorella Ellen. Oltre che dall'osservazione diretta dei luoghi Austeniani, le Hill riportano le testimonianze di discendenti di parenti, amici e conoscenti della famiglia Austen ancora presenti sul territorio all'epoca, nel 1901, quasi un secolo dopo la scomparsa della più perfetta tra le artiste nonché stralci della corrispondenza privata della Austen supportati da materiali biobibliografico redatti dopo  il successo postumo.
Un libriccino ben fatto e curato per la cui pubblicazione bisogna ringraziare la JASIT - Jane Austen Society of Italy - e la casa editrice Jo March che, ancora una volta, dimostra la propria validità nella scelta dei testi del proprio catalogo privilegiando come sempre qualità e competenza.


Mary Constance Hill (1844-1929), scozzese di nascita, ha vissuto nel sobborgo londinese di Hampstead sin da bambina. Scrittrice e biografa, nel 1917, in occasione del centenario della morte di Jane Austen, il 18 luglio 1917, insieme alla sorella Ellen (artista che ha illustrato quasi tutte le sue pubblicazioni) si recò a Chawton, nello Hampshire, dove si svolse una cerimonia di commemorazione durante la quale venne inaugurata una targa in onore della celebre scrittrice. Qualche anno prima, nel 1901, le due sorelle avevano compiuto un viaggio nei "luoghi" della "cara zia Jane", esperienza dalla quale prese vita la biografia "Jane Austen: i luoghi e gli amici".

martedì 18 agosto 2015

#DonaunLibroAccendilaCultura Recensione: "Tutte le altre sere" di Dara Horn

Titolo: Tutte le altre sere
Autrice: Dara Horn
Pagine: 457
Prezzo di copertina: 20 euro
Prezzo ebook: 8,99 euro
Editore: 66tha2nd

Sinossi:
È una fredda sera di marzo del 1861 a New York, e la Guerra Civile è alle porte. I Rappaport sono riuniti a tavola per il seder di Pasqua. Marcus, il capofamiglia, ha appena accettato la proposta di David Jonas, suo socio in affari: la diciassettenne Emma Jonas, affetta da ritardo mentale, sposerà il diciottenne Jacob Rappaport. Ma la notte prima del matrimonio il giovane fugge di casa e si arruola nelle forze dell'Unione. Non passa molto tempo e a Jacob si presenta un'irrinunciabile opportunità di carriera: deve recarsi a New Orleans e, spacciandosi per un fuggiasco, uccidere lo zio che sta progettando un attentato al presidente Lincoln. Il successo dell'operazione porta nuove missioni, nuovi pericoli. Jacob dovrà andare in Virginia e sposare una bellissima spia confederata, Eugenia Levy, appartenente a una famiglia sudista legata ai Rappaport da ragioni d'affari. In un paese spaccato tra Nord e Sud, teatro della più lunga e sanguinaria guerra della storia americana, si consuma per Jacob un cruento crimine di coscienza: in balia della menzogna e divorato da un costante bisogno di approvazione, Jacob è incapace di scegliere il proprio futuro e di comprendere che la vita non "dipende interamente dal capriccio di qualcun altro".




Jacob Rappaport è un rampollo della borghesia ebraica di New York, ha 19 anni e non sa dire di no. La mancata capacità di pronunciare il monosillabo del rifiuto segnerà la sua vita: per sfuggire ad un matrimonio combinato, Jacob si arruolerà tra le fila dell'esercito nordista dell'Unione dove si ritroverà presto ad essere ben più che un giovane patriota militante per la Causa. Le sue origini, la capacità di adattamento ed una predisposizione per la logica che rendono vero, nel caso specifico di Jacob, il luogo comune secondo cui tutti gli ebrei ci sanno fare con i numeri catapultano il signor Rappaport nel mondo fittizio dei servizi segreti, rete estesa da Nord a Sud che vede impigliati tra le sue maglie individui di ogni genere, anche e soprattutto chi non ci si aspetterebbe.
Come le bellissime sorelle Levy, donne al servizio della Confederazione che Jacob avrà modo di conoscere piuttosto da vicino o schiavi i quali, per la scarsa considerazione in cui sono tenuti, divengono perfetti messaggeri e contatti per contrabbandare un passaggio oltre confine conducenti ai piani alti dove le elité che contano davvero si preparano a rivoluzionare tutto, giocando a fare Dio con le sorti di intere città.
Ma tutto questo Jacob non lo sa, è la sua prima guerra e ci si butta a capofitto con il fervore idealistico tipico dei giovani però imparerà in fretta che la vera dedizione, quella ad un sorriso malizioso e due occhi colmi di sofferenza che fanno struggere il cuore, è il biglietto vincente per la fine di ogni dolore.
Le guerre vanno e vengono, giovanotto, vanno e vengono, e noi andiamo e veniamo con loro. E noi non possiamo fare altro che cercare riparo e aspettare che passino.
Con grande maestria Dara Horn riesce a coniugare Storia e romanzo, dando vita ad un affascinante mosaico raffigurante la Guerra di Secessione americana degno di Via col Vento e, con quest'ultimo, condivide il tassello mancante di un finale aperto che lascia a bocca asciutta sul più bello.
Pensai che avevo perso soltanto una battaglia ma che in un'altra sera le cose sarebbero andate in modo diverso. Da allora ho imparato che non ci sono eccezioni; se lasci che qualcosa succeda una sera, succederà anche tutte le altre sere. La persona che sei questa sera è la persona che sarai sempre.


Risultati immagini per dara hornDara Horn è nata nel 1977 a Short Hills, New Jersey. Dopo aver conseguito un dottorato in Letterature comparate a Harvard nel 2006, ha insegnato Letteratura ebraica al Sarah Lawrence College e in altri istituti culturali americani e canadesi. Nel 2002 ha pubblicatoIn the Image ottenendo prestigiosi riconoscimenti letterari quali l’Edward Lewis Wallant Award e soprattutto il National Jewish Book Award che si è aggiudicata di nuovo nel 2006 con il suo secondo romanzo, Il mondo che verrà (il Saggiatore, 2007), tradotto in undici lingue. Nel 2007 la rivista letteraria «Granta» l’ha inclusa tra i venticinque migliori giovani narratori americani. L’autrice afferma di aver imparato l’ebraico da bambina per leggere la Torah e di aver cominciato a studiare yiddish per capire gli scrittori di fine Ottocento. Tra le sue fonti di ispirazione cita Saul Bellow e Philip Roth.