"Arabesque - L'Allieva Vol 7." di Alessia Gazzola

Titolo: Arabesque
Autrice: Alessia Gazzola
Serie: L'Allieva #7
Prezzo di copertina: 17,60 euro
Prezzo ebook: 9,99 euro
Editore: Longanesi

Trama:
Tutto è cambiato, per Alice Allevi: è un mondo nuovo quello che la attende fuori dall'Istituto di Medicina Legale in cui ha trascorso anni complicati ma, a loro modo, felici. Alice infatti non è più una specializzanda, ma è a pieno titolo una Specialista in Medicina Legale. E la luminosa (forse) e accidentata (quasi sicuramente) avventura della libera professione la attende. Ma la libertà tanto desiderata ha un sapore dolce amaro: di nuovo single dopo una lunga storia d'amore, Alice teme di perdere i suoi punti di riferimento. Tutti tranne uno: l'affascinante e intrattabile Claudio Conforti, detto CC, medico legale di comprovata professionalità e rinomata spietatezza. Quando le capita il suo primo incarico di consulenza per un magistrato, Alice si rimbocca le maniche e sfodera il meglio di sé. Al centro del caso c'è una donna di 45 anni, un tempo étoile della Scala e oggi proprietaria di una scuola di danza. In apparenza è deceduta per cause naturali. Eppure, Alice ha i suoi sospetti e per quanto vorrebbe che le cose, per una volta almeno, fossero semplici, la realtà è sempre pronta a disattenderla. Perché, grazie alla sua sensibilità e al suo intuito, Alice inizia a scoprire inquietanti segreti nel passato della donna, legati all'universo - tanto affascinante quanto spietato e competitivo - del balletto classico...



[...]Se solo non fossimo tanto schiavi del voler essere sempre fedeli all'immagine che gli altri hanno di noi, quanti grattacapi ci risparmieremmo!
Poco più di un anno fa, conclusa la lettura di Un po' di follia in primavera, Alice Allevi ed io ci salutavamo senza fretta di ritrovarci. 
L'allieva non più tale, ferma nella decisione di comprendere le ragioni del cuore dopo la fine dell'annoso triangolo amoroso - costante della narrazione alternativa al giallo sin dagli inizi della serie -, si preparava a debuttare in Tv, regalando una versione edulcorata di sé e del proprio mondo. Pianeta, in questo  volume, non più confinato alle porte del Santuario delle Umiliazioni, lasciato dopo la conclusione del percorso di specializzazione in attesa degli esiti per il bando di dottorato in Scienze forensi pubblicato dall'Istituto, bensì aperto a nuove lande da considerare, tutto sommato, altrettanto desolate: il piccolo appartamento condiviso con il fratello Marco in piena crisi coniugale, la scuola di danza di Camilla, nipotina paffuta e pestifera ma utile ai fini delle indagini da portare avanti per via di numerosi incarichi conferiti da una PM solerte ma ambigua, punto d'incontro ideale tra la componente crime e quella sentimentale. 
Perché, per quanto si voglia tenere i due ambiti separati, lavoro e amore si incrociano spesso nella vita di Alice e, in questo caso, malvolentieri, rischiando di compromettere il fragile, altalenante come non mai, rapporto che lega l'Allieva all'imperituro, amato e odiato maestro, Claudio Conforti aka CC.
La prima autopsia non si scorda mai ed Alessia Gazzola ha fatto in modo di rendere alquanto memorabile l'esordio della sua Alice in sala settoria; la vittima è un'ex ballerina dal vissuto travagliato, che la novella specialista in Medicina Legale dovrà approfondire, indagando su più fronti coadiuvata dal fido Calligaris per risolvere il fitto mistero congegnato da una narratrice maggiormente ambiziosa come Gazzola sa essere di capitolo in capitolo in fatto di storylines criminose, la cui soluzione tuttavia, per quanto mi riguarda, non è all'altezza delle aspettative.
Aspettative quasi nulle ripagate, invece, sul campo sentimentale - ben sviluppato anch'esso, con il rischio, però, di non aver nulla di nuovo da aggiungere -, sebbene le carte vengano abilmente rimescolate in corner da un finale senz'altro presagio di nuove, mirabolanti avventure della dottoressa Allevi & Co.
Alessia Gazzola, nonostante l'influenza del piccolo schermo, si conferma una valida scrittrice di quel genere romanzesco ibrido tra rosa, crime, chick lit e citazionismo che l'ha fatta apprezzare, a ragione, dal pubblico, letterario e televisivo, di ogni età, rendendo la sua penna una delle poche che si ha voglia di rileggere in ogni occasione.
Le relazioni umane sono il vero mistero, più della morte. Ci illudiamo di poterle comprendere dando loro etichette banali, ma il più delle volte ci sbagliamo.

Commenti

  1. Ciao Cecilia! Di Alessia ho letto tutto. Sono partita in ritardo con l'allieva e poi non l'ho più mollata. Anche il romanzo pubblicato da Feltrinelli mi è piaciuto moltissimo. Non vedo l'ora di leggere quest'ultimo, con ingordigia. Sono curiosa di leggere una Alice non più specializzanda. Insomma le aspettative sono alte. Io non guardo la serie televisiva. Ho visto una puntata che non mi ha soddisfatto per niente, quindi preferisco lasciare tutto all'immaginazione. Un bacino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti sono piaciuti tutti, compreso il Feltrinelli che è piaciuto abbastanza anche a me, questo nuovo capitolo della storia di Alice non ti deluderà. Il giallo ha, secondo me, un colpevole improbabile, ma nel complesso sono soddisfatta, non avevo grandi aspettative.
      La serie TV è il classico format Rai e si lascia seguire volentieri se, come me, ti aspetti un po' d'intrattenimento in attesa di dormire; poi ha spinto moltissimi spettatori a recuperare i libri e questo, dal mio punto di vista, è un bene.
      Comunque buona lettura e un abbraccio a te :)

      Elimina
  2. Sembra non voler arrivare più, ma al solito non vedo l'ora di leggerlo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scrivevo a Baba, non ti deluderà, anche perché il giallo è ben strutturato e non si limita a fare da diversivo.
      Buona lettura. :)

      Elimina
    2. Il colpevole mi è sembrato assolutamente buttato lì, però carino, al solito. Mi mancava Alice. :)

      Elimina
  3. Io l'ho divorato in un giorno... non delude mai :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti sono fondamentali per lo scambio di opinioni e la crescita culturale di ogni persona che passa da questa Sala; dunque, se vorrai lasciarne uno, saremo ben felici di sapere quale sia il tuo pensiero :)

Grazie.