mercoledì 20 gennaio 2016

Recensione: "Sette minuti dopo la mezzanotte" di Patrick Ness e Siobhan Dowd

Titolo: Sette minuti dopo l'università
Autori: Patrick Ness - Siobhan Dowd
Pagine: 182
Prezzo di copertina: 12 euro
Prezzo ebook: 4,99 euro
Editore: Mondadori

Sinossi:
Il mostro si presenta sette minuti dopo la mezzanotte. Proprio come fanno i mostri. Ma non è il mostro che Connor si aspettava. Il ragazzo si aspettava l'orribile incubo, quello che viene a trovarlo ogni notte da quando sua madre ha iniziato le cure mediche. Connor si aspettava l'entità fatta di tenebre, di vortici, di urla... No. Questo mostro è un po' diverso. È un albero. Antico e selvaggio. Antico come una storia perduta. Selvaggio come una storia indomabile. E vuole da Connor la cosa più pericolosa di tutte. La verità. 






E' innegabile che talvolta le cose capitino, impreviste o indesiderate; ciò che si può e si deve mettere in discussione è il modo in cui ci si pone di fronte ad esse. Conor O' Malley non ha deciso quasi nulla della propria vita, sembra che ci si sia trovato in mezzo e non sappia come. Non ha deciso il divorzio dei suoi, l'essere vittima costante di bullismo, la malattia della madre, soprattutto non ha invitato un tasso malefico a narrargli delle storie, sette minuti dopo la mezzanotte.
Non ce lo si aspetterebbe, da una favola moderna dai toni cupi, che possa essere così attuale.
Proprio quando si è chiamati a dimostrare d'essere cresciuti ci si scopre bisognosi d'affetto, nostalgici di quel periodo magico ricordato come infanzia dove tutto era bello, sicuro, con la speranza di un e vissero felici e contenti per tutti. 
Patrick Ness, raccogliendo il testimone di Siobhan Dowd, ribalta questa prospettiva, lanciando un messaggio significativo e lampante, diretto com'è tipico dei bambini, rivolto maggiormente agli adulti che non hanno mai abbandonato la parte migliore di sé stessi: bisogna venire a patti con un male necessario, la verità; scomoda, osteggiata, solo ammetterla ci rende davvero liberi.
Una volta qualcuno mi disse che non contano le pagine ma la densità di esse; i libri densi come un uovo che sanno esprimere ciò che devono con semplicità e bellezza al contempo, questi sono i libri che meritano d'essere letti, presi sul serio. Le storie sono creature selvagge e indomite. [...]Quando le liberi, chi può sapere quali sconvolgimenti potranno compiere?

10 commenti:

  1. Ciao Cecilia, mi intriga molto questa storia. Adoro quel tipo di atmosfere e anche i sottintesi. L'ultima frase che hai citato è fantastica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero inaspettata e molto intensa nella sua semplicità. Un romanzo per ragazzi molto più adulto di altri.

      Elimina
  2. senza rivelare alcunché mi hai messo una curiosità incredibile! anche questo finisce nella mia lista :)

    RispondiElimina
  3. Romanzo piccino ma con un cuore grosso così. L'autore è bravissimo, non c'è che dire. Anche con Chaos mi ha stupido pagina dopo pagina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero di talento. Semmai scriverà altro di auto conclusivo, lo terrò certamente in considerazione.

      Elimina
  4. Eccomi Cecilia, ciao. Il bullismo è un argomento che mi scuote forte, quasi da non riuscire a leggerne...spesso i libri corti mancano di qualcosa, poche pagine per approfondire e dare spessore, a meno che come in questo caso la maestria dell'autore non renda grande una piccola opera. Grazie per il consiglio, segno questo titolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cuore, bentrovata. Il bullismo è solo una delle tematiche e nemmeno la più rilevante, la direzione è un'altra ma altrettanto importante ai fini del messaggio conclusivo.

      Elimina
  5. Ciao Cecilia, anch'io ho adorato questo libro, davvero stupendo *__* Ness è davvero un buon autore, finora ho più o meno amato tutti i suoi romanzi ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere, Juliette, e spero di recuperare presto altro della produzione di Ness. :)

      Elimina

I commenti sono fondamentali per lo scambio di opinioni e la crescita culturale di ogni persona che passa da questa Sala; dunque, se vorrai lasciarne uno, saremo ben felici di sapere quale sia il tuo pensiero :)

Grazie.