martedì 11 aprile 2017

"Hyperversum Ultimate" di Cecilia Randall

Titolo: Hyperversum Ultimate
Autrice: Cecilia Randall
Pagine: 480
Prezzo di copertina: 17 euro
Prezzo ebook: 9,90 euro
Editore: Giunti

Sinossi:
Phoenix, Arizona, futuro prossimo. Alex ha deciso: tornerà nel Medioevo per ritrovare Marc, che nel frattempo è diventato primo cavaliere di Luigi IX. Oltre a sfidare l'ira del padre, dovrà accettare il dolore del distacco dalla sua famiglia, ma nulla può farla rinunciare ai sentimenti che prova per Marc. Châtel-Argent, Francia nord-orientale, XIII secolo. Mentre al castello fervono i festeggiamenti per il matrimonio di Michel de Ponthieu, Marc e Alex si riconfermano l'un l'altra il proprio amore, ma Ian impone loro di attendere almeno sei mesi, per conoscersi meglio. Marc, durante i due anni di distacco, è maturato, ma la sua sicurezza sfiora a volte l'arroganza e Alex fatica a rispettare il ruolo della donna medievale. C'è chi però ha una sensibilità più affine alla sua, come il giovane Richard, e Alex ne è attratta più di quanto voglia confessare a se stessa. Alla loro vicenda personale si mescolano presto vicende politiche quando Luigi IX affida a Marc una missione insolita: a Dunkerque è stato ucciso un viaggiatore inglese e occorre investigare per trovare gli assassini...



Le aspettative, in un senso o nell'altro, ci fregano sempre. Le mie, su questo seguito imprevisto scritto per acclamazione dei fan, erano altissime: nonostante la semi omonimia, la trilogia di Hyperversum non mi aveva conquistata a prima lettura, al contrario del suo spin - off, Hyperversum Next
I figli erano riusciti laddove i genitori avevano fallito, tenermi incollata alle pagine tanto da terminare la lettura del romanzo in un pomeriggio, situazione più unica che rara, ormai. Avrebbe voluto chiuderla lì, Cecilia Randall, sebbene il finale aperto lasciasse speranza per un eventuale ritorno nel mondo medieval informatico di Chatel Argent e dintorni.
Sarebbe stato meglio, col senno di poi. 
Hyperversum Ultimate non aggiunge nulla di nuovo a ciò che è stato già scritto e rivelato; battibecchi inutili - veri e propri scontri di civiltà, è il caso di scriverlo - un giallo irrilevante ai fini della trama, l'ennesima conclusione apparente sono gli elementi principali di un fantasy storicamente impeccabile eppure privo di quel guizzo di freschezza, passione e originalità di cui alcuni dei precedenti volumi della saga - mi riferisco in particolare a Il falco e il leone e Next - erano permeati.
Perché la forza della saga di Hyperversum, che negli anni ha appassionato un pubblico notevole di lettori permettendo loro di avvicinarsi ed affezionarsi ad un genere non troppo popolare qui in Italia - il fantasy storico - sta nell'insieme: uno spunto originale a far da collante - giochi di ruolo, tecnologia, ambientazione medievale - per le vicende di personaggi ben caratterizzati, a volte pure troppo, carismatici, che rendono interessante la vicenda per il continuo incontrarsi di tradizione e modernità le quali, mescolate insieme, rendono situazioni impreviste, peculiari proprio dello stile narrativo di Cecilia Randall.
Tutto ciò, purtroppo, in questo nuovo, magari ultimo, capitolo della serie che l'ha resa nota al grande pubblico, non l'ho trovato; solo due ragazzini che pretendono d'esser grandi, a cavallo tra due epoche, e tanta confusione, non storica ma caratteriale, derivante forse dal voler tirare troppo la corda che, inevitabilmente, si è spezzata.

2 commenti:

  1. non ho mai seguito questa serie, detto francamente non mi ha mai ispirata quindi ho evitato di iniziarla. mi spiace che ti abbia delusa purtroppo capita. ti rifarai con il prossimo libro.
    approfitto per farti tanti auguri di buona Pasqua!

    RispondiElimina

I commenti sono fondamentali per lo scambio di opinioni e la crescita culturale di ogni persona che passa da questa Sala; dunque, se vorrai lasciarne uno, saremo ben felici di sapere quale sia il tuo pensiero :)

Grazie.