domenica 27 ottobre 2013

Recensione: "Allegiant" di Veronica Roth

Titolo: Allegiant
Autrice: Veronica Roth
Prezzo di copetina: 15,78 euro
Prezzo ebook: 9,17 euro
Editore: Collins Children's Books

Lingua: inglese

Trama:

What if your whole world was a lie?
What if a single revelation—like a single choice—changed everything?
What if love and loyalty made you do things you never expected?
The explosive conclusion to Veronica Roth's #1 New York Times bestselling Divergent trilogy reveals the secrets of the dystopian world that has captivated millions of readers in Divergent and Insurgent.

[Traduzione]
Cosa [faresti] se il tuo intero mondo fosse una bugia?
Cosa se una singola rivelazione - come una singola scelta - cambiasse ogni cosa?
Cosa se l'amore e la lealtà ti facessero fare cose che non ti saresti mai aspettato?
L'esplosiva conclusione della trilogia di Divergent di Veronica Roth N. 1 di vendite del New York Times rivela i segreti del mondo distopico che ha catturato milioni di lettori in Divergent e Insurgent.

 

 
Ho terminato la lettura di Allegiant da diversi giorni, ma solo adesso posso dirmi pronta a condividere le mie impressioni.
Come al solito, quando ho troppe aspettative su un libro, questo mi delude.
Divergent e Insurgent li ho amati, nonostante non abbia condiviso tutte le scelte dell'autrice; Allegiant invece, arrivata a circa metà tomo, ho cominciato ad odiarlo.
Sarà stata l'introduzione di nuovi personaggi che non mi hanno convinto nemmeno un po', la morte (discutibile) di altri che mi erano cari, l'evoluzione di altri in modo totalmente insensato, la delusione prodotta dalla descrizione del mondo oltre la recinzione.
Sul piano distopico, ho trovato le teorie scientifche molto interessanti ma sul piano umano ho trovato Allegiant un fallimento su tutta la linea; nonostante tutto questo ero pienamente disposta a dare il massimo e non vedevo l'ora di leggere il finale della vicenda che, nella mia testa, era ormai scontato che questa avesse.
Mi ero già "bruciata" una volta, sempre con un altro distopico sul quale nutrivo alte aspettative ma ero certa che non sarebbe successo ancora, almeno non con la Roth, non con l'ultimo capitolo di quella che considero la migliore saga Distopica degli ultimi anni.
E invece è accaduto.
 
Never say never.
 
Comunque non ho trovato tutto da buttare, ci sono alcuni passi dove si ritrova lo spirito originale che ha caratterizzato Divergent ma inserirli qui farebbe diventare questa mia una recensione spoilerosa, dunque vi do appuntamento alla rubrica #Quotes of the Week dedicata alle citazioni dove questi passi. avranno un loro spazio.
 
Il trauma è ancora forte però posso dire che, se da un lato ho apprezzato la coerenza dell'autrice con l'originalità riguardo al finale mostrata nei volumi precedenti, dall'altro non posso essere contenta dello sviluppo della narrazione e soprattutto del fato dei personaggi.
 
Per questa lotta interiore, mi riservo il diritto di sospendere il giudizio in stelle e rimandarlo (forse) alla rilettura italiana di Allegiant perché purtroppo, citazione dal testo, it is impossible to erase my choices. Especially these.
 
Divergent Trilogy: 





Divergent (2011)
Insurgent (2012)
Allegiant (Ottobre 2013 Stati Uniti - Primavera 2014 Italia)
 
Consigliato: nì
 
Tempo di lettura: una settimana
 
Umore: curioso, riflessivo
 
Veronica Roth
Si è laureata in scrittura creativa presso la Northwestern University e ha esordito giovanissima con il bestseller Divergent rubando il tempo agli esami. Ora vive a Chicago e fa la scrittrice a tempo pieno.
 



4 commenti:

  1. Ciao! :)
    Sto leggendo Insurgent e subito dopo vorrei iniziare Allegiant in lingua originale.. So che può essere una domanda stupida ma volevo chiederti se Allegiant sia una lettura scorrevole oppure per veri "intenditori" dell'inglese.
    Scusa il disturbo e grazie dell'attenzione,
    Buona serata! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, tranquilla nessun problema!
      Io in inglese me la cavo e ho capito quasi tutto quello che ho letto, anche se in alcune parti sono andata un po' a senso.
      Non preoccuparti anzi, se ti va una volta terminata la lettura, passa a commentare esponendo la tua opinione :)

      Grazie a te, a presto!

      Elimina
  2. appena finito Allegiant e mi è venuto da piangere, non per il libro in se', ma per il fatto che spesso uno che divora tre tomi in 6 sei giorni ha bisogno di trovare in un libro la bellezza e la leggerezza che non riesce a trovare altrove, e questo termina in un modo tale che non ti alcuna lascia speranza, su tutti i fronti. E' passata meno di un'ora da che ho terminato di leggere e sono ancora un po' scossa, più di quando ho finito di leggere hunger games, lì ero delusa, irritata, qui completamente spiazzata. Diciamo che i capitoli finali secondo me poteva anche evitarli, tanto erano del tutto inutili dopo il colpo che ci è stato assestato. Umore?

    RispondiElimina
  3. Guarda, posso dirti che sono trascorsi 8 mesi da quando l'ho finito. eppure, se penso ad Allegiant, provo la stessa rabbia e delusione dei minuti immediatamente successivi a quando l'ho finito.
    Ancora non l'ho preso in italiano, non mi sento pronta ad affrontare di nuovo questo trauma. Alcuni parlano di finale equo, a me non è sembrato così.

    RispondiElimina

I commenti sono fondamentali per lo scambio di opinioni e la crescita culturale di ogni persona che passa da questa Sala; dunque, se vorrai lasciarne uno, saremo ben felici di sapere quale sia il tuo pensiero :)

Grazie.