sabato 26 aprile 2014

Recensione: "I cento colori del blu" di Amy Harmon

Titolo: I cento colori del blu
Autrice: Amy Harmon
Pagine: 379
Prezzo di copertina: 9,90 euro
Prezzo ebook: 4,99 euro
Editore: Newton Compton

Trama:
Tutti a scuola conoscono Blue Echohawk. Abbandonata da sua madre quando aveva solo due anni, Blue non sa se quello sia il suo vero nome né quando sia davvero il suo compleanno. Ma ha imparato a fuggire il dolore con atteggiamenti da ribelle: indossa sempre vestiti attillatissimi e un trucco pesante. E soprattutto il sesso è il suo rifugio, un gioco per dimenticare tutto, per mettere sotto chiave le sue emozioni. A scuola poi è un caso disperato. Eppure il suo nuovo insegnante di storia, il giovane Darcy Wilson, non la pensa così: Darcy crede in lei, e sa che Blue ha bisogno di capire chi sia prima di trovare un posto nel mondo. E così la sprona a guardarsi dentro e a ripercorrere il passato, a scrivere la sua storia, a dar voce alle sue emozioni. Tra i due nasce una grande amicizia, e forse, a poco a poco, qualcosa di più: un sentimento forte, travolgente, a cui ciascuno dei due tenta in tutti i modi di resistere...



4 Stelle


Sarò ripetitiva, ma tant'è: repetita iuvant.
Dato l'usuale target della Newton, mi aspettavo il solito romanzo sentimentale da leggere in un pomeriggio cupo e uggioso.
Fortunatamente mi sbagliavo.
La storia di Blue è una storia di crescita, di maturità, di scoperta e ritorno alle proprie origini.
So che è un paragone improprio, ma mi è sembrato che la Harmon, nel descrivere la difficile crescita e formazione di Blue, abbia avuto la stessa meticolosità di un'altra autrice che apprezzo moltissimo, Laurie Halse Anderson.
I continui riferimenti alla Austen poi, mi hanno fatta sorridere.
Un tema affrontato nel corso del romanzo, che mi ha particolarmente colpita e portata a riflettere, è l'adozione.
In Italia le pratiche di adozione sono lunghe e complesse; inoltre si tende a considerare maggiormente la situazione dal punto di vista del bambino rispetto a quello dei genitori.
Qui viene dato spazio a quest'ultimo e questa cosa mi ha fatto piacere, perché ho potuto inquadrare la prospettiva da un diverso punto di vista, al quale non avevo mai pensato.
I cento colori del blu è un romanzo di formazione, che t'insegna ad avere una diversa prospettiva della vita.
Se lo fai con un Darcy accanto, è ancora meglio, perché tutti noi, a volte, ci sentiamo piccoli merli caduti dal nido, con una grande paura di volare ed è sempre una bella cosa avere qualcuno al tuo fianco che ti rassicuri, che ti dica che, in fondo, non sei tanto sbagliata quanto credi di essere.
Assolutamente consigliato.

Consigliato: sì
Tempo di lettura: 3 Giorni


Amy Harmon è una scrittrice statunitense.
E' autrice de I cento colori del blu e di altri cinque romanzi, tutti bestsellers in patria.

1 commento:

  1. Io lo sto leggendo proprio adesso ! *.* Devo dire che mi piace abbastanza e adoro Darcy Wilson ! Come si fa a non adorare un personaggio che si chiama "Darcy" ! E' una bella storia e non vedo l'ora di scoprire come andrà a finire ! :D Bella recensione !!! :D

    RispondiElimina

I commenti sono fondamentali per lo scambio di opinioni e la crescita culturale di ogni persona che passa da questa Sala; dunque, se vorrai lasciarne uno, saremo ben felici di sapere quale sia il tuo pensiero :)

Grazie.