martedì 30 settembre 2014

Inventory Time - Settembre 2014

Anche se stento a crederci, è arrivata la fine del mese e con essa il tempo di ricapitolare le letture di questo mese.



Al di là di ogni aspettativa, questo mese ho superato l'obiettivo mensile, aggiungendo alla lista dei libri letti ben 11 titoli:

- La casa per bambini speciali di Miss Peregrine di Ransom Riggs
- Resta anche domani di Gayle Forman
- La verità sul caso Harry Quebert di Joel Dicker
- L'amore è un difetto meraviglioso di Graeme Simsion
- The Giver - Il donatore di Lois Lowry
- Lo specchio del tempo di Silvia Devitofrancesco
- Strega della Cenere - Principesse del Regno della Fantasia di Tea Stilton
- La Tredicesima Storia di Diane Setterfield
- Le notti bianche di Fedor Dostoevskij
- Princess di Lauren Kate
- L'inarrestabile Sophy di Georgette Heyer












Troverete tutte le recensioni, tranne quella de L'inarrestabile Sophy della Heyer che redigerò nei prossimi giorni, nella sezione Recensioni Dalla A alla Z, sotto il nome dell'autore o dell'autrice, qualora voleste dare un'occhiata, oppure scorrendo l'Archivio Blog nella sidebar di sinistra.

Il titolo di Libro del Mese di Settembre se lo aggiudica La verità sul caso Harry Quebert di Joel Dicker.



Vi ringrazio dell'attenzione e vi invito a tenermi aggiornata sulle vostre letture.
Al prossimo mese!

Cecilia

domenica 28 settembre 2014

#Quotes of the Week (14)

Buongiorno a tutti!
Con qualche ora di ritardo rispetto al solito, vi lascio le #Quotes of the Week della settimana.
Devo prima fare una premessa: nella mia sbadataggine, che ultimamente è aumentata a livelli stratosferici, ho riconsegnato in biblioteca La verità sul caso Harry Quebert prima di trascriverne le citazioni che mi hanno colpito di più. Sono proprio un caso irrecuperabile, lo so, perdonatemi; dovrete accontentarvi delle frasi memorabili delle mie ultimissime letture, La Tredicesima Storia di Diane Setterfield e Le notti Bianche del mio caro Dostoevskij.
Con la desolante prospettiva di trascorrere la giornata sui libri, quelli di scuola sfortunatamente, in particolare su quello di chimica, con solo la diretta della 5x02 di Downton, stasera, a tirarmi su il morale, vi auguro una domenica migliore della mia e vi stringo in un grande abbraccio.
Sempre vostra,
Cecilia


Citazioni tratte da La Tredicesima Storia di Diane Setterfield:

- Non ce l'ho con gli amanti della Verità, ma con la Verità stessa. Quale sostegno, quale consolazione nella Verità a paragone di una storia? A che giova la Verità a mezzanotte, al buio, quando il vento ruggisce nel comignolo come un orso? Quando il lampo sprigiona ombre sulle pareti della stanza e la pioggia bussa alla finestra con le sue lunghe unghie? No: quando freddo e paura ti immobilizzano a letto come una statua, non aspettarti che la scarna ed ossuta Verità accorra in tuo aiuto. Quello che ci vuole è il pingue conforto di una storia: sentirti placare, cullare da una bugia.

- Una persona morta un tempo ha ritenuto quelle parole tanto importanti da metterle nero su bianco. Una volta morte, le persone scompaiono. La voce, le risate, il calore del loro respiro. La carne. E alla fine le ossa. Il ricordo perde ogni elemento vitale.[...] Qualcuno però fa eccezione a questo annullamento. Perché continua ad esistere nei libri che ha scritto. Ci è dato riscoprirlo. Con il suo carattere, il tono di voce, i modi. La parola scritta gli permette di farti arrabbiare o di renderti felice. Di consolarti. Di farti sorgere dei dubbi. Di cambiarti. Tutto questo anche da morto. [...] E' una specie di magia.

- Gli amputati anelano ad una condizione di gemellanza. Le persone normali, i non gemelli, cercano l'anima gemella, si accoppiano, si sposano. Afflitti dalla loro incompletezza, desiderano ardentemente far parte di una coppia.

- I gemelli orbati sono mezze anime. Il confine tra la vita e la morte è sottile e scuro e il gemello orbato vive più vicino al confine di tanti altri.


Citazioni tratte da Le notti bianche di Fedor Dostoevskij:

- Un tipo è un originale, una persona talmente ridicola! E' un carattere così. Sentite, sapete cos'è un sognatore?

- Un sognatore - se è necessaria una sua definizione precisa - non è una persona ma, sapete, un essere di genere neutro. Si stabilisce il più delle volte in un angolo inaccessibile, come se si nascondesse perfino alla luce del giorno e quando si rifugia in casa, allora si radica al suo angolo come una lumaca o, almeno, è molto simile in questo atteggiamento a quell'interessante animale che è animale e casa insieme e che si chiama tartaruga.

- Passeranno altri anni e con loro arriverà la tetra solitudine, arriverà con le grucce la malferma vecchiaia, e con loro l'angoscia e lo sconforto. Si farà pallido il tuo mondo fantastico, moriranno, appassiranno i tuoi sogni e cadranno come foglie ingiallite dagli alberi.

- Perché anche l'uomo migliore è come se nascondesse sempre qualcosa all'altro e gli tacesse qualcosa? Perché non dire subito, direttamente, quello che si ha nel cuore, se sai che non parlerai al vento? Altrimenti ognuno appare più severo di quanto in realtà sia, come se tutti temessero di offendere i propri sentimenti palesandoli così velocemente.



Per oggi, è tutto, spero abbiate apprezzato questi parole quanto me.Vi invito a riferirmi anche le vostre, se ne avete.


A presto!

sabato 27 settembre 2014

Recensione "Princess" di Lauren Kate

Titolo: Princess
Autrice: Lauren Kate
Pagine: 229
Prezzo di copertina: 5,90 euro
Prezzo ebook: 4,99 euro
Editore: Rizzoli

Sinossi:
Natalie Hargrove ha tutto quello che una ragazza può desiderare: è bellissima, intelligente, ambiziosa, ha un fidanzato ricco che l'adora - Mike - e vive dalla parte giusta della città. C'è solo una cosa che ancora le manca: il titolo di Principessa della Palmetto High School. Per ottenerlo è disposta a tutto. E ora che lei e Mike, dopo pazienti e subdole manovre, sono a un passo dalla vittoria, nulla deve mettere a rischio la loro incoronazione. Tanto meno Justin Balmer - la cui semplice vista risveglia in Nat ricordi sgraditi e brucianti - e le sue mire allo scettro di Principe della scuola. Ma forse è venuto il momento per l'affascinante e misterioso Justin di saldare i suoi conti in sospeso con Nat. E quale occasione più adatta di una festa ad alto tasso alcolico per mettere in scena la vendetta a lungo attesa? Peccato che qualcosa, nei piani di Natalie, vada storto: quello che doveva essere uno scherzo ai danni del bulletto della scuola assume tutt'a un tratto i contorni della tragedia. Il mondo di Natalie crolla pezzo dopo pezzo, sfuggendo irrimediabilmente alle sue manie di controllo, e i suoi effimeri sogni di gloria di ragazza viziata si trasformano in una questione di vita o di morte.


Ogni tanto - evento più unico che raro - capita anche a me di trovare offertissime sui libri nei piccoli supermercati vicino casa. Princess l'ho preso proprio grazie a questa occasione e, se da un lato sono sollevata per la cifra irrisoria sborsata per averlo, dall'altra il mio istinto mi rimprovera per non averlo ascoltato, lasciandolo lì dov'era.
Non è una novità la mia indifferenza verso il genere New Gothic ed i suoi derivati quali Urban Fantasy e Paranormal Romance, dunque non vi sorprenderà sapere che conoscevo l'autrice solo di fama, essendomi categoricamente rifiutata di leggere la saga di Fallen che ha fatto la fortuna della Kate.
Comunque poiché preferisco le adolescenti complicate a quelle senza cervello e la sinossi sembrava promettere una vicenda che in cui la protagonista si evolveva in tal senso, ho deciso di dare una chance ad entrambe, facendo la conoscenza di Lauren Kate con il suo romanzo d'esordio.
Le prime note stonate, evidenti sin dal prologo, sono la cover con la Cappuccetto Rosso inquietante ed il titolo, stravolto nella traduzione italiana che inizialmente, sperando in un miglioramento si può forzatamente collegare con l'obiettivo della protagonista.
Tuttavia, dopo un paio di capitoli, il tutto viene a noia. 
Natalie Hardgrove si rivela essere la classica ragazzina ossessionata dal successo e dal consenso altrui. Pur potendo giustificare questo atteggiamento con una storia di violenze alle spalle, elemento ultimamente immancabile negli YA statunitensi, non si riesce a provare simpatia per lei né tantomeno per gli altri personaggi coinvolti, troppo poco caratterizzati per rimanere impressi più a lungo del tempo che serve a concluderne l'arco narrativo.
L'evoluzione drammatica della situazione poi, l'ho trovata assolutamente insensata così come i motivi alla base del gesto che l'hanno determinata.
Ho preso in mano questo romanzo con ben poche aspettative e lo ripongo con totale indifferenza, pensando che, dopotutto, forse è un bene che le occasioni al supermercato siano così rare.

2 Stelle

Consigliato: no
Tempo di lettura: Un giorno

Lauren Kate è cresciuta a Dallas, è andata a scuola ad Atlanta, ha cominciato a scrivere a New York e vive a Los Angeles con il marito. La saga di Fallen, venduta in trentacinque Paesi, include Torment, Passion e il capitolo finale, Rapture. Fallen diventerà film Disney.

    venerdì 26 settembre 2014

    Recensione: "Le notti bianche" di Fedor M. Dostoevskij

    Buonasera a tutti! Appena finita la sessione quotidiana di studio intensivo con qualche ora d'anticipo, sono passata a lasciarvi la mia opinione su Le notti Bianche. No, non le mie, quelle di Fedor Dostoevskij e del suo Sognatore :)
    Buona lettura.

    Cecilia


    Titolo: Le notti bianche
    Autore: Fedor Dostoevskij
    Pagine: 123
    Prezzo di copertina:0,99 euro
    Editore: Newton Compton

    Sinossi:
    Al centro delle "Notti bianche", racconto pubblicato per la prima volta nel 1848, c'è un sognatore, un giovane che vive una vita tutta sua, avulsa dalla realtà, fatta di chimere, fantasticherie, impalpabili emozioni. Nelle calde notti senza tramonto di una Pietroburgo estiva e deserta, il timido e notturno protagonista, triste vittima della vita urbana, vagabonda senza meta per la città fra palazzi e canali, e sogna a occhi aperti. Proverà a inseguire l'amore: quello della bella e appassionata Nasten'ka, che però ama, desidera, attende un altro. Così, dopo quattro notti di esaltata eccitazione, l'ultimo mattino porta con sé un amaro risveglio: il disincanto di un addio. 




    Circa un anno dopo I fratelli Karamazov, ritrovo Dostoevskij appassionato più che mai. Appassionante non saprei, visto il tempo impiegato a finire un libriccino di non più di 120 pagine, circostanza imputabile però anche alla stanchezza che ultimamente sembra essere una costante.
    Densissimo e travolgente, incalzante con un ritmo serrato, il diario del Sognatore, per sua definizione non una persona ma un essere di genere neutro, un tipo, diventa familiare e caro.
    Familiare perché ci si può identificare nel protagonista, nelle notti bianche passate ad aspettare una chiamata, un messaggio o semplicemente che accadesse qualcosa mentre ci si perde, non ha importanza come, tra le strade poco illuminate, affollate, nei sogni ad occhi aperti, davanti alla tv o con un drink in mano; caro perché si ricorda di quando ci si confonde fra la gente, osservando la vita che scorre, conoscendone ogni sembiante, sentendo tuttavia di non farne parte fino in fondo.
    Quante volte, da Sognatori, ci siamo concessi un attimo di felicità, magari solo di spensieratezza, consapevoli dell'illusione che conteneva la cui fine è stata segnata dal ritorno al mondo e alla sua freddezza, allo scorrere del tempo che ci lascerà soli e sconfortati, facili prede di una vecchiaia malferma; il mondo fantastico che avevamo immaginato sbiadisce, i sogni muoiono, appassiscono e cadono come foglie ingiallite, a meno che non si trovi la forza di perdonare le debolezze e chi le ha indotte, benedicendo loro affinché se ne possa trarre linfa nuova, un'epifania di primavera, una vita riscoperta piena. Oltre.
    Hai mai conosciuto qualcuno che fosse felice? E che fosse ancora sano di mente, intendo...

    4 Stelle

    Consigliato:
    Tempo di lettura: 3 Giorni


    Fëdor Michajlovič Dostoevskij, è stato uno scrittore e filosofo russo.

    giovedì 25 settembre 2014

    Recensione: "La Tredicesima Storia" di Diane Setterfield

    Titolo: La tredicesima storia
    Autrice: Diane Setterfield
    Pagine: 412
    Prezzo di copertina: 13 euro
    Editore: Mondadori

    Sinossi:
    Margaret Lea è una giovane libraia antiquaria che negli anni trascorsi con il padre tra pagine immortali e volumi sepolti dall'oblio, ha coltivato una quieta passione per le biografie letterarie in cui di tanto in tanto si cimenta. La sua prevedibile esistenza viene sconvolta il giorno in cui Vida Winter, sfuggente e carismatica scrittrice alla fine dei suoi giorni, la incarica di scrivere la sua biografia ufficiale. Margaret parte alla volta dell'isolata magione dell'anziana autrice, nelle campagne dello Yorkshire, e rimane immediatamente stregata dalle vicende della singolare famiglia Angelfield e dalla sorte di un misterioso racconto che Vida Winter non ha mai voluto pubblicare... "La tredicesima storia" dipana così davanti agli occhi del lettore non solo il tempestoso trascorrere di esistenze avvolte dal segreto, ma anche la complessa, intensissima amicizia tra due donne di differenti generazioni che, dietro la magica finzione del narrare, troveranno l'una nell'altra verità su se stesse a cui mai sarebbero potute arrivare da sole.


    Niente è più rivelatore di una storia. [...]Quale sostegno, quale consolazione nella Verità, a paragone di una storia?
    A Margaret Lea piacciono le storie. Non quelle che servono a recare conforto in un momento di stress acuto o che ti fanno venire la pelle d'oca durante la notte quando, sotto le coperte, leggi con una torcia macabre storie dell'orrore.
    Lei è una biografa, ha a che fare con personaggi vissuti anni e anni addietro, con le loro vite ed i fatti documentabili intorno ad esse, prove oggettive inossidabili. Novelle, romanzi, chick lit non fanno al caso suo eppure sono storie che, per quanto ambigue e fantasiose, contengono sempre, seppur in minima parte, un bandolo di verità.
    Ed è proprio per questo, per dipanare l'intricata matassa della vita di una delle romanziere più famose del proprio tempo sotto richiesta della stessa, che miss Lea si avvicina a miss Winter ed alla sua misteriosa biografia avvolta da nebbie simili a quelle che circondano la lussureggiante tenuta dello Yorkshire nella quale l'anziana signora dimora; Margaret sarà così costretta a venire a patti con segreti e sorelle, istitutrici e molteplici tristi storie. Anche la propria.
    Il riferimento ad uno dei classici maggiormente pieni di pathos della letteratura non è certamente casuale, poiché tutta la vicenda sembra alludere continuamente alla povera, piccola, oscura istitutrice, al suo senso dell'indipendenza che l'ha sempre guidata nella vita come è successo a colei che l'ha creata.
    Vida Winter, uno pseudonimo dalla doppia interpretazione. Il vuoto o la vita? Che siano entrambi facce della stessa medaglia, destinati a non incontrarsi, sfidandosi costantemente in una battaglia che vede fronteggiarsi anime spezzate a metà, costellate da dubbi celati inconsciamente?
    La biografa e la romanziera, lontane ma vicine, più simili di quanto possano immaginare perché, in fondo, condividono lo stesso amore - odio verso i fantasmi del passato dovranno ammettere la Verità al tavolo da gioco, la posta è troppo alta, al di là di tutto l'oblio prima che tutto scorra per sempre e loro ci finiscano in mezzo.
    La Vita e la Verità ti aspetteranno sempre al varco, si tratta di decidere solo come ti presenterai. Indossa il vestito più bello e non temere, sta tutto lì, nell'intreccio delle trame.

    2 Stelle e mezza

    Consigliato: no
    Tempo di lettura: una settimana

    Diane Setterfield (Reading 1964) è una studiosa di letteratura francese del Ventesimo secolo. Vive nello Yorkshire con il marito. Il suo primo romanzo, La tredicesima storia, ha ottenuto un clamoroso successo diventando un bestseller in tutto il mondo.

    mercoledì 24 settembre 2014

    Speciale Taobuk: Le Belle Lette(u)re di Taormina 2014

    Buongiorno readers, come state? Vi avevo avvertito che con l'inizio dell'anno scolastico e la conseguente vita da maturanda mi sarei fatta sentire di meno; tuttavia, sebbene quest'ultima si stia rivelando dura come mi aspettavo, non è a causa sua se non ho postato nulla per una settimana circa.
    No, molteplici circostanze possono essere incolpate di questa grave mancanza di cui ho sofferto abbastanza ma, in definitiva, tutte sono riconducibili ad una solo motivo: sono stata via per un po'.
    Sono andata via per un weekend dal mio apatico paesino, trasferendomi ad un' oretta e mezza di strada, in quel di Taormina.
    Taormina, conosciuta per le sue origini greche, il suggestivo Teatro Greco proprio all'interno di quest'ultimo ha ospitato la cerimonia d'apertura della IV Edizione del Taobuk, il Festival internazionale delle Belle Lettere che vanta ogni anno ospiti di fama internazionale.


    Piero Grasso durante la Lectio Magistralis sulla mafia
    Quest'anno è toccato al presidente del Senato Piero Grasso, al compositore Nicola Piovani e al celeberrimo scrittore cileno Luìs Sepulveda, personalità molto diverse fra loro ma accomunate dall'amore per la cultura.
    Nicola Piovani emozionatissimo per l'esordio con La musica è pericolosa, primo ed ultimo suo manoscritto letterario in quanto, a suo dire, è più a suo agio nello scrivere partiture piuttosto che libri e Luis Sepulveda a cui è stato assegnato il Premio per l'Eccellenza Letteraria, hanno intrattenuto una numerosa platea sabato 20 Settembre 2014 conversando con i conduttori, il presidente di Taobuk Festival Antonella Ferrara ed il giornalista Franco Di Mare, presidente del Comitato Scientifico ed attualmente alla guida dello storico programma Rai Unomattina.

    Antonella Ferrara, presidente Taobuk, con il Presidente del Senato Piero Grasso e il conduttore Franco Di Mare

    L'attore Pippo Pattavina legge dei brani tratti dai libri dei premiati

    Nicola Piovani parla del suo La musica è pericolosa, edito da Rizzoli

    Medley dei propri brani celebri eseguito da Piovani al pianoforte

    Lo scrittore cileno Luis Sepulveda con Franco Di Mare

    Luis Sepulveda con Antonella Ferrara e Franco Di Mare

    Alan Friedman presenta Ammazziamo il Gattopardo
    Tutti premiati in veste di scrittore, Piero Grasso il quale ha tenuto una lectio magistralis sulla mafia
    Tra intervalli musicali offerti dai Musicisti in Jeans, duo musicale composto da Angelo Di Guardo e Antonio Macrì in collaborazione con l'attrice e conduttrice Carmen Longo che si è rivelata essere un'ottima violoncellista e a cui ha contribuito anche Piovani suonando un pezzo al pianoforte, racconti di aneddoti di vita quotidiana e letture di brani tratti dalle opere dei premiati a cura dell'attore teatrale catanese Pippo Pattavina, il festival, in corso fino a venerdì 26 Settembre 2014, ha preso avvio nel migliore dei modi, continuando così il giorno successivo, domenica 21 Settembre 2014, con la presentazione del saggio - inchiesta sulle vicende politiche italiane degli ultimi anni, Ammazziamo il Gattopardo di Alan Friedman e quella di Suburra di Giancarlo De Cataldo, autore di Romanzo Criminale, con l'intervento della scrittrice Alessia Gazzola, che ho avuto modo di incontrare nuovamente dopo Luglio scorso sia in quest'occasione sia ieri, in data 23 Settembre 2014 durante la presentazione del nuovo capitolo, il quarto, della serie dedicata alla specializzanda in Anatomopatologia più simpatica d'Italia, Alice Allevi.


    Con Alessia Gazzola



    I ragazzi dell'Associazione Agorà con Alessia Gazzola alla presentazione de Le ossa della Principessa, nuovo capitolo della serie di Alice Allevi


    Ed infine, ecco il bottino di Taobuk 2014:

    Bottino della IV edizione di Taobuk: alcuni in mio possesso, altri no, tutti rigorosamente autografati :P

    Non posso che complimentarmi con tutto lo staff di Taobuk per l'efficiente organizzazione e la splendida iniziativa, sperando di poter replicare la bella esperienza il prossimo anno con l'edizione 2015 di questa meravigliosa manifestazione.

    A voi lettori non posso che augurare buone letture e darvi appuntamento al prossimo post.
    Un abbraccio!

    Cecilia

    venerdì 19 settembre 2014

    Recensione: "Strega della Cenere. Principesse del Regno della Fantasia" di Tea Stilton

    Titolo: Strega della Cenere
    Autrice: Tea Stilton
    Pagine: 280
    Serie: Principesse del Regno della Fantasia #11
    Prezzo di copertina: 18,50 euro
    Prezzo ebook: 6,99 euro
    Editore: Piemme

    Sinossi:
    Ora che il Re Malvagio e il Principe senza Nome sono addormentati nella Rocca del Sonno, un'epoca di prosperità si annuncia per il Grande Regno. Proprio quando tutto sembra procedere al meglio, un'ombra si profila all'orizzonte; le Streghe Grigie sono tornate. Antiche alleate del Re Malvagio, queste creature senza tempo sono determinate a combattere le Principesse con le armi della Magia senza Colore. Nel corso di uno scontro senza precedenti, le cinque figlie del Re Saggio scopriranno che c'è qualcosa nel passato delle streghe, un segreto riposto tra le pieghe del tempo, che andrà svelato per poterle sconfiggere.




    I fratelli Stilton ed il loro mondo, creato dall'abilissima penna di Elisabetta Dami, sono stati un po' i mentori della mia infanzia. Proprio dopo aver visto Geronimo in TV durante lo Zecchino d'Oro, ho deciso di provare a leggere qualcosa che non fossero le fiabe, i fumetti e la Bibbia per ragazzi.
    Ed è stato così che mi sono ritrovata insieme all'editore più famoso di tutta Topazia, fifone ma di gran cuore, catapultata in avventure improbabili con luoghi misteriosi come la Giungla Nera, le cascate del Niagara e castelli infestati da fantasmi burloni a fare da sfondo.
    Tra quelle pagine cosparse di scritte a colori bizzarri, con puzze e profumi, guide e mappe insieme a strani tipi mangiafrutta infagottati in impermeabili gialli, terrificanti topine fascinose alla guida di carri funebri o nel sottosuolo inseguiti da loschi figuri, ci ho passato interi pomeriggi della mia infanzia, terminando ogni impresa con tanta tristezza ma anche qualcosa in più: i valori fondamentali dell'amicizia, del sostegno, dell'altruismo, del rispetto delle idee altrui e tutti gli altri la cui importanza è stata amplificata nel mio modo di sentire e nel porgermi con gli altri.
    La saga delle Principesse del Regno della Fantasia riprende questi stessi contenuti, questi stessi valori, riproponendoli in chiave fantasy per un pubblico generalmente femminile; questa circostanza è forse uno dei motivi per cui, sebbene abbia superato da un pezzo, almeno anagraficamente, l'età di lettura consigliata sulla quarta di copertina, continuo a seguire le vicende delle principesse Nives, Kalea, Samah, Yara e Diamante e di tutti i loro cari, rimanendo accanto a loro probabilmente fino alla fine della saga. Una volta arrivati al traguardo, sarà giunto il tempo di saluti e ringraziamenti, prima di un'uscita in punta di piedi da un mondo, quello firmato Stilton, che mi ha dato tanto, contribuendo alla mia crescita personale e culturale in maniera significativa e verso cui avrò un debito illimitato.
    Una storia che parla di coraggio, di lotta ma anche di compassione, perdono e speranza è rara da trovare in un mondo che scivola sempre più nell'indifferenza, nel cinismo e qualora, come in questo caso, se ne trovasse una, bisogna tenerla stretta, cara, leggendola e rileggendola fino a fare il pieno di ottimismo e voglia di far bene, fino a credere che, come la saggezza - altra qualità da non sottovalutare - del poeta latino Virgilio vuole ricordarci, Amor vincit omnia et nos cedamus amori.
    E dall'amore nasce la fede, dalla fede la speranza. La speranza di poter cambiare ciò che non va lottando coraggiosamente in nome della libertà, in nome della felicità.

    3 Stelle e mezza

    Consigliato:
    Tempo di lettura: 2 Giorni

    Tea Stilton, la sorella di Geronimo, è l'inviato speciale dell'Eco del Roditore ed è l'esatto opposto di quel fifone di suo fratello. Guida ogni mezzo, dalla moto all'aeroplano, adora gli sport estremi e i viaggi avventurosi; ama fare paracadutismo ed è cintura nera di karate. È anche una roditrice affascinante: i suoi occhi viola e il suo carattere grintoso fanno innamorare tutti i roditori che incontra.

    Elisabetta Dami (Milano, 1965) è una scrittrice italiana, autrice di Geronimo Stilton. Vive tra l’Italia e l’Arizona, nella città di Sedona. Ama viaggiare, praticare attività ed esplorazioni avventurose, tanto che a 23 anni compie il giro del mondo in solitaria. Ha scalato il Kilimangiaro, fatto trekking in Nepal, una maratona di 120 km nel deserto del Sahara e due maratone di New York, lanci con il paracadute, ed inoltre anni fa conseguì il brevetto di pilota.

    giovedì 18 settembre 2014

    Anteprime Settembre - Ottobre 2014 Parte Terza

    Salve a tutti!
    Mentre la vita da maturanda procede senza pesare molto, al momento, sono riuscita a ritagliarmi un angolino per segnalarvi alcuni titoli di prossima pubblicazione che mi sono sembrati interessanti.
    A voi come va?
    Un abbraccio, Cecilia

    Cominciamo con 10 nuovi MiniMammut in uscita a fine mese:


    Titolo: L'interpretazione dei sogni
    Autore: Sigmund Freud
    Pagine: 480
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:
    In nessuna altra opera come ne L’interpretazione dei sogni Freud è riuscito a coniugare in modo così brillante l’esigenza della completezza e del rigore con quella della chiarezza e della semplicità dell’esposizione. Tanto da rendere questo libro una sorta di passepartout in grado di aprire tutti gli accessi principali ai concetti della psicoanalisi. Alla vita onirica e alla sua interpretazione viene riconosciuto un ruolo fondamentale per la comprensione delle patologie psichiche e per dissotterrare un materiale affettivo e mentale preziosissimo che la coscienza tende a occultare perché “inaccettabile”.






    Titolo: Introduzione alla psicoanalisi

    Autore: Sigmund Freud
    Pagine: 512
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:
    Dalla viva voce di Freud ci viene offerta la più chiara e completa presentazione della psicoanalisi. Il volume raccoglie le lezioni tenute all’Università di Vienna dal 1915 al 1917, con il loro proseguimento, che lo stesso Freud scrisse e pubblicò nel 1932 e che riguardavano: Gli atti mancatiIl sogno, la Teoria generale delle nevrosi e relativi approfondimenti. Sintesi indispensabile per accostarsi alla teoria psicoanalitica, arricchita e completata da quelli che il fondatore riteneva i suoi probabili sviluppi e progressi.








    Titolo: Il ramo d'oro
    Autore: James G. Frazer
    Pagine: 832
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:
    Un’antica leggenda italica – in ricordo del famoso ramo d’oro che Enea colse prima di entrare nel regno dell’Ade – voleva «re del bosco» chi si fosse dimostrato capace di uccidere il sacerdote del santuario di Diana a Nemi e di strappare un ramo dall’albero che si trovava nel recinto. Frazer fu particolarmente incuriosito dal racconto e volle indagarne le origini, prendendo in esame miti, pratiche religiose e magiche, riti di ogni tempo e luogo. Prese forma così una monumentale raccolta di studi sulle culture primitive che, nell’edizione definitiva del 1911-15, comprendeva ben dodici volumi. Qui ne proponiamo il compendio, concepito dall’autore stesso per una più agevole divulgazione del suo complesso pensiero.



    Titolo: Il significato della relatività - Il mondo come io lo vedo
    Autore: Albert Einstein
    Pagine: 256
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:
    Il significato della relatività illustra i concetti fondamentali e i procedimenti matematici della teoria. Fu pubblicato in Germania nel 1922. Oltre al testo originale, si riproducono qui l’appendice del 1945 e l’ultimo scritto scientifico di Einstein, cioè la seconda appendice uscita postuma nel 1956. 
    Il mondo come io lo vedo costituisce la prima raccolta di lettere e articoli non scientifici di Einstein, pubblicata in Germania nel 1934 e subito tradotta in inglese. L’antologia raccoglie gli interventi dello scienziato su temi cruciali: il rapporto tra scienza e religione, l’asservimento del mondo scientifico tedesco ai dettami di Hitler, il femminismo, il sionismo e l’ebraismo. Ne emerge la figura pubblica di un uomo di scienza che, con ironia e spirito critico, volle esprimere il proprio impegno civile su tutti i fronti.


    Titolo: L'origine della specie
    Autore: Charles Darwin
    Pagine: 480
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:
    La pubblicazione, nel 1859, de L’origine delle specie, sintesi e risultato delle sue imponenti ricerche sulla flora e la fauna di differenti latitudini, procurò a Darwin la gloria e il biasimo a un tempo. Con quest’opera rigorosa e straordinaria, Darwin scardinava la tradizione biblica della creazione del mondo, introducendo il concetto di una lenta evoluzione delle specie animali e vegetali che nel corso del tempo si sono profondamente diversificate dai loro antenati.


     Titolo: Al di là dl bene e del male
    Autore: Friedrich Willelm Nietzsche
    Pagine: 224
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014


    Sinossi:
    «Ogni filosofia nasconde anche una filosofia: ogni opinione è anche un nascondiglio, ogni parola è anche una maschera». Andare «al di là» vuol dire scoprire «un mondo più vasto, più strano, più ricco al di sopra di ogni superficie, un abisso sotto ogni fondo, ogni “fondazione”». In questa osservazione di Nietzsche è racchiuso il tema dell’opera, fra le più celebri e importanti del filosofo tedesco. Al di là del bene e del male, che riprende e amplia alcuni dei concetti già presenti in Così parlò Zarathustra, è considerato da molti il testo in cui Nietzsche raggiunge il suo stile migliore, accentuando, sul piano ideologico, la funzione positiva occulta e possente delle forze del male nella vita dell’uomo.

    Titolo: Così parlò Zarathustra
    Autore: Friedrich Willelm Nietzsche
    Pagine: 288
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014


    Sinossi:


    Zarathustra è un mito grandioso, in cui Nietzsche proietta, in un continuo alternarsi di allegoria e realtà, tutto il suo mondo interiore. La visione dell’uomo che emerge da queste pagine è del tutto inconsueta e rivoluzionaria: la razionalità cessa di essere l’unico criterio valido della conoscenza, l’arte non coincide più con l’ideale della purezza formale e la morale sfugge agli schemi borghesi. Zarathustra è l’uomo rappresentato come confine, la persona che sta dietro la passione e la musica delle parole. Una persona nata da Nietzsche stesso, ancor più nascosto dietro la sua opera, nelle pieghe di una scrittura che è anche una maschera, una forma di seduzione nella quale i pensieri scorrono in figure danzanti e la verità si dissolve in verità molteplici.



    Titolo: Casi clinici
    Autore: Sigmund Freud
    Pagine: 416
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:
    I casi clinici raccolti in questo volume furono pubblicati da Freud in un arco di tempo che va dal 1905 al 1920. Sin dalla loro prima comparsa, hanno rappresentato, e ancora oggi rappresentano, un fondamentale punto di incontro e di confronto tecnico per gli addetti ai lavori, ma anche uno strumento importante per chiunque voglia conoscere e approfondire il percorso di riflessione scientifica del fondatore della psicoanalisi. Questo volume rappresenta, in tal senso, un’opera di riferimento imprescindibile e contiene: Il caso di DoraIl caso del piccolo HansIl caso dell’uomo dei topiIl caso di Schreber, Il caso dell’uomo dei lupiUn caso di paranoia in contrasto con la teoria psicoanalitica della malattia e Psicogenesi di un caso di omosessualità in una donna.





    Titolo: La mia vita per la libertà
    Autore: Mohandas K. Gandhi
    Pagine: 384
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:
    Il nome di Gandhi è ormai divenuto sinonimo di pace e di ribellione non violenta, e forse mai come oggi è importante conoscerne il messaggio. In queste bellissime pagine il Mahatma analizza minuziosamente tutto il suo percorso esistenziale, le sue esperienze di vita, gli studi, gli scontri, le conquiste, il lungo cammino percorso con la sua gente. E offre al lettore la sua umile, operosa, quotidiana ricerca della verità, dalla quale emerge la grandiosa lezione morale che la sua presenza rappresenta nella storia contemporanea. L’autobiografia del profeta della non-violenza alla ricerca di una via per la verità: la via della pace e della fratellanza fra gli uomini.


    Titolo: Psicopatologia della vita quotidiana
    Autore: Sigmund Freud
    Pagine: 256
    Prezzo di copertina: 3,90 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:
    Psicopatologia della vita quotidiana, pubblicato nel 1901, descrive una delle strade percorse da Freud per raggiungere l’inconscio: l’interpretazione dei lapsus, delle dimenticanze, delle sviste, di tutte quelle disattenzioni apparentemente insignificanti, così frequenti nella nostra vita quotidiana. Ideale continuazione de L’interpretazione dei sogni, quest’opera estende il metodo psicoanalitico alle manifestazioni della veglia che tradiscono la presenza e la pressione degli impulsi inconsci.








    Titolo: Un favoloso appartamento a Parigi
    Autore: Michelle Gable
    Pagine: 448
    Prezzo di copertina: 9,90 euro
    Prezzo ebook: 4,99 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 02/10/2014

    Sinossi:
    Alla timida e romantica April, antiquaria e critico d’arte, viene proposto di andare a Parigi, dove pare ci sia un appartamento abbandonato da oltre settant’anni, pieno di mobili provenienti da tutto il mondo, gioielli preziosi e quadri di inestimabile valore. Su tutti spicca un dipinto, firmato dal pittore italiano Giovanni Boldini: chi è quella donna bellissima avvolta in un sontuoso abito rosa? È Marthe de Florian, la proprietaria dell’appartamento ai tempi della Belle Époque. Incuriosita, April comincia a studiare le carte, i diari e le lettere di Marthe, con l’aiuto del collega francese Luc Thebault. Scoprirà gli amori di una donna determinata a raggiungere il successo, e la sua ambigua carriera dal Le Folies Bergère ai lussi dell’appartamento nel cuore di Parigi, quando riuscì a diventare una delle donne più corteggiate della città, amata e servita dai suoi ricchi spasimanti. E scavando nella storia di Marthe, April troverà l’ispirazione… 
    Un grande successo negli Stati Uniti, un romanzo indimenticabile che continuerà a parlarci anche dopo aver letto l’ultima riga
    .



    Titolo: Tutti i difetti che amo di te
    Autore: Anna Premoli
    Pagine: 320
    Prezzo di copertina: 9,90 euro
    Prezzo ebook: 4,99 euro
    Editore: Newton Compton

    Data di Pubblicazione: 02/10/2014

    Sinossi:
    Ethan ha ereditato una fortuna. Sara viene nominata suo amministratore patrimoniale. Ma il loro rapporto di lavoro cede presto il posto a qualcos’altro…Mettere i bastoni tra le ruote alla sua famiglia è una vera arte per Ethan Phelps. Perfezionata con cura nel corso degli anni. Quando suo padre muore all’improvviso, senza lasciare alcun testamento, la situazione precipita perché il ragazzo eredita, insieme al fratello maggiore, le quote della Phelps&Phelps, multinazionale quotata in borsa e ancora sotto il controllo della famiglia. Il giorno in cui Ethan irrompe durante una riunione degli azionisti completamente ubriaco, la famiglia si convince della necessità di intervenire per salvaguardare lui e la sua quota azionaria, che garantisce loro di avere la maggioranza. Il tribunale nomina quindi un amministratore del suo patrimonio, ma sarà solo il primo di una lunga serie, perché Ethan è bravissimo a farli fuggire, uno dopo l’altro. Quando anche il terzo rassegna le dimissioni, il giudice incaricato del caso decide di tentare una strada diversa, e invece di nominare uno dei soliti professionisti, chiama Sara di Giovanni, la cui specializzazione sono i brevetti aziendali. Ma Sara ha il grande vantaggio di essere determinata e, al contrario degli altri, di avere una vita privata che non la rende ricattabile. La collaborazione tra lei ed Ethan inizia a suon di reciproci dispetti, ma è destinata a evolversi in qualcosa di ben più complicato ed eccitante…

    Titolo: Lookwood & co. La scala urlante
    Autore: Jonathan Stroud
    Pagine: 400
    Prezzo di copertina: 16,90 euro
    Editore: Salani

    Data di pubblicazione: 18/09/2014

    Sinossi:
    Da più di cinquant’anni, Londra è scossa da quello che i suoi abitanti chiamano genericamente ‘Il Problema’, ovvero un’epidemia di fantasmi che ha infestato tutta l’Inghilterra. Gli unici a poter vedere, sentire e combattere gli spiriti maligni sono i ragazzini, arruolati nelle numerose agenzie di acchiappafantasmi. Armati di spade d’argento, bombe di sale, limatura di ferro e Fuoco Greco, questi ghostbuster bambini devono affrontare le più terribili infestazioni. Ed è proprio alla ricerca di un lavoro che Lucy Carlyle, una giovane e talentuosa agente, si reca nella capitale, ma finisce per essere assunta dall’agenzia più piccola e sgangherata di tutte. Nonostante la guida dell’affascinante e carismatico Anthony, la Lockwood & Co. è sull’orlo del fallimento. Per salvarla c’è solo una possibilità, accettare un incarico molto speciale. Peccato che preveda di trascorrere la notte nella casa più infestata d’Inghilterra e nessuna garanzia di uscirne vivi…
    Dopo la fortunatissima saga di Bartimeus, Jonathan Stroud continua a incantarci con una nuova serie da brivido, piena di suspense, ironia e fantasmi terrificanti… Ambientato in una città brulicante di spettri, La Scala Urlante vi catturerà, vi divertirà, e vi farà tremare. Le vostre notti non saranno più le stesse!

    Titolo: Quella cita che ci mancava
    Autore: Valentina D'Urbano
    Pagine: 340
    Prezzo di copertina: 14,90 euro
    Editore: Longanesi

    Data di pubblicazione: 02/10/2014

    Sinossi:

    Gennaio 1991. Valentino osserva le piccole nuvole di fiato che muoiono contro i finestrini appannati della vecchia Tipo. L’auto che ha ereditato dal padre, morto anni prima, non è l’unica cosa che gli rimane di lui: c’è anche quell’idea che una vita diversa sia possibile. Ma forse Valentino è troppo uguale al posto in cui vive, la Fortezza, un quartiere occupato in cui regna la polvere e l’asfalto è crepato e perfino la casa ti può essere tolta se ti distrai un attimo. Perciò, non resta che una cosa a cui aggrapparsi: la famiglia. Valentino è il minore dei quattro fratelli Smeraldo, figli di padri diversi. C’è Anna, che a soli trent’anni non ha niente da chiedere alla vita. C’è Vadim, bello e sbagliato, con la mente di un dodicenne nel corpo di un ventenne. C’è Alan, il maggiore, l’uomo di casa, posseduto da una rabbia tanto feroce quanto lo è l’amore verso la sua famiglia, che deve rimanere unita a tutti i costi. Ma il costo potrebbe essere troppo alto per Valentino, perché adesso c’è anche lei, Delia. È più grande di lui, è bellissima – ma te ne accorgi solo al secondo o al terzo sguardo – ed è pulita. Perché lei non è della Fortezza. Ed è proprio questo il problema. Perché Valentino nasconde un segreto che non osa confessarle e soprattutto sente che scegliere lei significherebbe tradire la famiglia. Tradire Alan. E Alan non perdona. 
    Questo è un romanzo sull’amore, un amore spietato come solo quello tra fratelli può esserlo. Ma è anche un romanzo sull’unico altro amore che possa competere: quello che irrompe come il buio in una stanza piena di luce, quello tra un ragazzo e una ragazza, contro tutto e tutti.

    Titolo: London in Love
    Autore: Melinda Miller
    Pagine: 256
    Prezzo di copertina: 12,00 euro
    Editore: Tre60

    Data di pubblicazione:25/09/2014

    Sinossi:
    London in love è un romanzo a due voci.
    Lei è Lisa: trent'anni (o poco più), un fidanzato storico che l'ha appena lasciata e una gran voglia di ricominciare. E forse è possibile: trasferirsi a Londra, per un anno, a casa di un'amica. E poi chissà…
    Lui è Michele: trent'anni (o poco più), una fidanzata storica che sta per sposare, una vita da broker e una gran voglia di stabilità. Il suo sogno: lasciare Londra, dove lavora, e rientrare in Italia. E poi chissà…
    Le strade di Lisa e di Michele s'incrociano brevemente sul volo Milano-Londra (vicini di posto, si detestano all’istante), per dividersi, con grande sollievo di entrambi, a Heathrow. Ma il destino li farà incontrare di nuovo, a Notting Hill, tra gli scaffali di God Save the Heels, la boutique di scarpe vintage, stilosissime e griffatissime, dove Lisa lavora.
    Sullo sfondo di una Londra travolgentemente romantica, animata da personaggi indimenticabili ‒ da Palmer, l'eccentrico vicino di casa gay, a Marta, la fidanzata di Michele, perfettina e isterica, a Lady J, la celeb icona di stile, che mette all’asta la sua preziosissima collezione di scarpe ‒, Lisa e Michele si troveranno coinvolti in un inebriante girotondo in cui sarà molto difficile non cadere (dall’alto di un tacco 12) nelle braccia dell’amore.


    Titolo: Troppo tardi per la verità
    Autore: Gianni Simoni
    Pagine: 272
    Prezzo di copertina: 12,00 euro
    Editore: TEA

    Data di pubblicazione: 25/09/2014

    Sinossi:

    È notte fonda: un'auto lanciata a gran velocità per le strade di Brescia travolge un uomo, lasciandolo sull’asfalto senza vita, e dileguandosi. Sembrerebbe un triste caso di omicidio colposo con omissione di soccorso, come anche i testimoni oculari confermerebbero, ma il sovrintendente Armiento della Stradale non ne è convinto e decide di indagare per conto suo.
    Troppi particolari fuori posto: come mai la vittima non portava documenti con sé? Perché i due testimoni spariscono il giorno dopo l’incidente? Ad avvalorare i sospetti del poliziotto spunta, inatteso, un terzo testimone che, a distanza di qualche giorno, rovescia tutte le ipotesi avanzate fino a quel momento.
    Si apre così una nuova linea d'indagine, per sospetto omicidio premeditato. Competenza della Omicidi, dove il commissario Miceli, reintegrato nelle sue funzioni a fianco del commissario titolare grazia Bruni, prende in mano il caso. Ma più gli inquirenti indagano, più le acque si fanno torbide, e dal passato di vittima, testimoni e indagati emerge un pantano di tradimenti, odio, gelosie, brama di vendetta, debiti di gioco e sospetti di bancarotta.  
    Ancora una volta, determinante nella soluzione del mistero, sarà l'esperienza dell'ex giudice Petri, indispensabile compagno di avventure e insostituibile amico per il buon Miceli.


    Che ne pensate? Buone letture!