lunedì 15 giugno 2015

Recensione: "Un amore oltre le stelle" di Melissa Landers

Titolo: Un amore oltre le stelle
Autrice: Melissa Landers
Pagine: 346
Prezzo di copertina:9.90 euro
Prezzo ebook: 4,99 euro
Editore: Newton Compton

Sinossi:
Cara Sweeney è stata selezionata tra migliaia di studenti per il primo gemellaggio intergalattico. Cara è emozionata: ospiterà sotto il suo tetto un alieno, avrà accesso a un sacco di segreti e informazioni su di lui e sul suo popolo e il suo blog non potrà che trarne enorme beneficio. Eppure tutte le aspettative di Cara vacillano quando conosce Aelyx. Gli alieni condividono quasi lo stesso DNA con gli umani, ma sono più freddi, molto più freddi: detestano il loro cibo, non sanno cosa significhi baciarsi e ci tengono a mantenere le distanze. Eppure un terrestre non potrebbe essere mai tanto bello. Quando i compagni di classe di Cara vengono travolti dalla paranoia anti-alieno, il college improvvisamente non è più un luogo sicuro. Abbandonata da tutti e persino divenuta oggetto di minacce, Cara trova sostegno nell'ultima persona dalla quale sperava di averlo: Aelyx. E si troverà costretta ad ammettere che lui non è solo l'unico amico che ha, ma anche il ragazzo di cui si è perdutamente innamorata. Aelyx però le ha nascosto la verità sul vero fine del suo viaggio sulla Terra e sulle sue conseguenze...



Rimando questa recensione, che non lo sarà a tutti gli effetti, da giorni per vari motivi; per mancanza di tempo sicuramente, perché fuori ci sono quaranta gradi ed io sono alle prese con maree di argomenti da ripassare ma soprattutto perché condividere continuamente impressioni negative circa le letture che faccio mi deprime profondamente.
Avendo appurato la scarsità di libri belli ed interessanti letti da Gennaio a questa parte e volendomi mettere alla prova con qualcosa di leggero eppure acclamato, ho puntato su Un amore oltre le stelle di Melissa Landers: alieni come protagonisti - novità relativa - e tanti pareri positivi a sostegno di questa scelta. 
Di cui mi sono pentita amaramente alla fine del primo capitolo, più o meno. 
Lottando contro la vocina che mi intimava di abbandonarlo immediatamente, ho lasciato vincere il mio spirito compassionevole e, avvalendomi ampiamente del secondo diritto del lettore ovvero quello di saltare le pagine, ho portato a termine anche questo.
Lo spunto di partenza non è male, o meglio, non lo sarebbe stato se fosse stato sviluppato diversamente. Tre terrestri e tre Leriani, abitanti di un pianeta alieno, sono stati selezionati per un gemellaggio interplanetario. Dopo l'iniziale antipatia le cose cambiano ma Cara ed Aelyx - si pronuncia Alicks, per la cronaca - devono fare i conti con i comitati anti-alieni. 
Il resto - rapporti tra protagonisti, i propositi degli alieni - li lascio all'immaginazione di ciascuno; sfortunatamente per me, la mia si è messa subito in azione facendomi intuire quasi subito ciò che sarebbe successo e sommandolo ad uno stile non molto scorrevole con una serie di situazioni non proprio nuove mi ha portato a pensare di avere un serio problema con gli YA.
Detto questo, se siete in cerca di una lettura leggera e non avete letto molti libri del genere, allora questo romanzo potrebbe fare al caso vostro. Altrimenti provateci comunque. Però non lamentatevi di non essere stati avvertiti, eh!


Consigliato: no

Melissa Landers vive fuori Cincinnati ed è un’ex insegnante che ha lasciato l’aula per seguire la passione della scrittura.

12 commenti:

  1. Ahi ahi... ennesimo parere negativo v.v lo eviterò come la peste XD

    RispondiElimina
  2. Questa è la prima recensione che leggo di questo libro che sta tra le mie future letture :) Ancora devo leggerne altre di opinioni per regolarmi su cosa aspettarmi da questa lettura ma comunque lo leggerò per giudicare ^_^ E' sicuro comunque che questo alieno non eguaglia nè supera Daemon Black in fascino :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerò a leggerti, magari a te piacerà. Daemon Black è il protagonista della serie LUX, giusto? Decisamente non fa per me, no.

      Elimina
  3. L'ho letto in inglese qualche mese fa e mi è piaciuto! Sicuramente è uno dei tanti YA con situazioni già viste e svolte prevedibili, però non so, l'ho trovato simpatico e leggero. Ed era esattamente ciò che mi aspettavo, quindi non sono rimasta delusa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta per te. Per quanto mi riguarda, sono stufa di leggere circa situazioni e personaggi già visti, senza un briciolo di originalità, spalmati in tutte le salse. Non se ne può più!

      Elimina
  4. Sono stufa di queste trame tutte uguali,non lo leggerò!

    RispondiElimina

I commenti sono fondamentali per lo scambio di opinioni e la crescita culturale di ogni persona che passa da questa Sala; dunque, se vorrai lasciarne uno, saremo ben felici di sapere quale sia il tuo pensiero :)

Grazie.